Anzio, blitz della Polizia su un peschereccio ormeggiato al molo: in manette un tunisino

410

(MeridianaNotizie) Roma, 18 ottobre 2017 – Un ematoma sulla fronte e sul labbro. Queste le conseguenze di una rapina, consumata nella serata di ieri nei pressi del porto di Anzio. A farne le spese un giovane bulgaro, che, dopo esser stato colpito più volte al volto con dei pugni, è stato derubato di un i-phone, un bancomat e 70 euro. L’autore, un uomo con la carnagione olivastra di circa 40 anni , inseguito da alcuni ragazzi accorsi in suo aiuto, si è poi barricato all’interno di un peschereccio ormeggiato sulla banchina del molo. A stanarlo, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Anzio, che, allertati dalla segnalazione al numero unico di emergenza, con due equipaggi sono saliti a bordo. Qui, dopo una breve colluttazione con il malvivente, sono riusciti a bloccarlo e ad assicurarlo all’interno della macchina di servizio. Arrestato, il 39enne tunisino, dopo gli accertamenti di rito è stato condotto presso la casa circondariale di Velletri. Dovrà rispondere dinanzi all’autorità giudiziaria dei reati di rapina, lesioni, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, oltre che di danneggiamento ai beni dello stato per aver colpito più volte lo sportello dell’auto con dei calci.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Articolo precedenteRoma, nuovo colpo allo spaccio: sequestrati 2,8 kg di cocaina e un quantitativo di hashish
Articolo successivoRoma, il piromane tornava sempre sul luogo del delitto: preso l’autore di oltre 100 incendi di auto