Roma, acquista “Gratta e Vinci” con carte di credito rubate: 47enne arrestatto

434

(MeridianaNotizie) Roma, 19 gennaio 2018 – La vittima, si è presentata negli uffici di polizia dove ha denunciato il furto della carta di credito, utilizzata poi, presso un distributore di benzina per l’acquisto di circa 300 euro in “gratta e vinci”. Gli investigatori del commissariato Esposizione, diretto da Filiberto Mastrapasqua, acquisita la notizia, hanno così avviato le indagini e, recatisi presso la stazione di servizio, hanno proceduto a visionare le immagini delle telecamere. Nella circostanza, si vede chiaramente un uomo, identificato poi per R.G., nativo di Colleferro di 47 anni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia che, in due diverse giornate, dopo aver parcheggiato l’autovettura, entra all’interno del negozio, effettua i suoi acquisti e poi si allontana indisturbato. Decisi ad incastrare il malvivente, i poliziotti hanno deciso di appostarsi per alcuni giorni nei pressi dell’impianto in attesa in un eventuale ritorno dell’uomo. Ieri, il malvivente, con la stessa autovettura, si è presentato nuovamente presso l’esercizio ma, questa volta, a servirlo, ha trovato i poliziotti. Anche in questa circostanza, dopo aver acquistato 30 “gratta e vinci” utilizzando una carta di credito risultata rubata, ha firmato lo scontrino fiscale ed ha tentato di allontanarsi. Bloccato dagli agenti della Polizia di Stato, è stato accompagnato in commissariato, dove, è stato arrestato per ricettazione ed indebito utilizzo di carte di credito rubate. Dopo la convalida dell’arresto, R.G., è stato condannato ad un anno e 8 mesi di reclusione. Sono in corso ulteriori indagini per accertare il coinvolgimento dello stesso in altri episodi criminosi.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Articolo precedenteRoma, 11 baby ladre in trasferta da Castel Romano: assalivano i turisti nelle vie dello shopping
Articolo successivoBracciano, denunciato impiegato della Città Metropolitana di Roma Capitale per favoreggiamento della prostituzione