Pasquale Calzetta(FI), ripartiremo da sicurezza e rilancio dell’economia

0
91

(MeridianaNotizie), Roma 16 febbraio 2018 – Pasquale Calzetta candidato alla camera dei deputati nel collegio uninominale n.11 di Roma, che si estende sull’area di Primavalle, mette al primo posto la sicurezza e il rilancio dell’economia attraverso la flat tax, la tassa fissa con aliquota al 23% lanciata da Forza Italia in questa campagna elettorale per le Politiche 2018.

 

Calzetta,cosa significa sicurezza per lei?

 

La sicurezza è un concetto molto ampio che però ha due aspetti, quello della reale sicurezza della persona fisica e quello la percezione della sicurezza, che coinvolge anche il degrado. Regolare l’immigrazione, dare una vera assistenza a chi ne ha diritto, il controllo attento delle persone che arrivano nelle nostre città, risolverebbe le questioni. Il centrodestra e Forza Italia sono già impegnate per tracciare una nuova strada per l’Italia, che non sarà fanalino di coda in Europa nelle scelte sulle politiche di accoglienza e assistenza. Lo faremo attraverso norme che garantiscano assistenza alle persone nei loro paesi, per aiutarli a creare opportunità e occupazione nei loro stati.

Dalla sicurezza parte tutto, se le persone non possono uscire di casa con serenità anche l’economia ne risente, quindi l’occupazione e il benessere delle comunità.

 

Pasquale Calzetta, anche le Tasse condizionano l’economia, perchè la Flat Tax di Berlusconi sarebbe migliore di altre soluzioni finanziarie?

 

Tagliare le tasse a chi vive in regime di povertà o semi povertà, ridurre le imposte con aliquota fissa al 23% per famiglie e aziende è una rivoluzione, è uno ‘shock fiscale’ che può rimettere in moto l’economia italiana. Lo stanno facendo 62 paesi, molti non lontani da noi, compreso anche negli Stati Uniti, dove oltretutto le nostre aziende si stanno trasferendo poiché trovano un regime fiscale migliore. Da noi invece manca lavoro, mancano opportunità, con la Flat Tax le cose cambieranno.

Anche l’Italia può usufruire di questo sistema, che costerà il primo anno al governo 50 miliardi, facilmente reperibili eliminando alcune detrazioni non così importanti per la maggioranza dei contribuenti, riuscendo così a recuperare la spesa dell’abbassamento delle tasse. La Flat Tax è fondamentale nel nostro programma e credo per tutti gli italiani onesti che vogliono pagare le tasse senza morire di fame per farlo.

 

Calzetta, parliamo di Roma e la Raggi. Pregi e difetti.

 

Sinceramente di pregi ne vedo davvero pochi, non me ne voglia la sindaca di Roma ma non ho mai visto – e ho fatto il presidente e il consigliere nel municipio dell’Eur per molti anni – la capitale ridotta in questo stato. La competenza non si può racimolare per strada, dal primo che si propone come professionista di un settore, per fare politica con concretezza e cognizione è necessario unire le competenze tecniche in un ambito di conoscenza e esperienza amministrativa. Un bravo commerciante  ad esempio non è detto che sia preparato a fare i conti di un bilancio comunale, serve molto altro.

 

Calzetta, il collegio in cui è candidato è molto ampio e ha problematiche diverse. Di cosa si sta occupando in questi ultimi giorni di campagna elettorale sul territorio di Primavalle e dintorni?

 

Sono tantissime le questioni aperte nei quartieri del collegio che Forza Italia mi ha assegnato. Ho incontrato tantissimi cittadini e ho visto con loro le criticità, abbiamo preparato interrogazioni e atti per chiedere soluzioni e risposte al Comune di Roma terribilmente distratto su quel quadrante della città. Al Mercato Irnerio, per dirne una, box che chiudono e bandi che non arrivano, a via Cornelia parcheggi importanti per il quartiere chiusi da 20 anni, a Torrevecchia scuole occupate da immigrati e famiglie spaventate, campi Rom che la Raggi aveva promesso di spostare ancora al loro posto. Insomma il lavoro che ci aspetta dopo tutto questo abbandono è immenso ma ci siamo già rimboccati le maniche. Dal 4 marzo l’aria cambierà anche nel quadrante ovest della capitale.