Auditorium, Campidoglio: soddisfazione per accordo raggiunto per addetti ai servizi di vigilanza

439

(MeridianaNotizie) Roma, 13 aprile 2018 – Il Campidoglio esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto nella notte sul contratto degli addetti ai servizi di sicurezza non armata, guardiania e accoglienza presso l’Auditorium Parco della Musica. Una settimana fa la sindaca di Roma Virginia Raggi, a margine di una conferenza stampa all’Auditorium, aveva incontrato una rappresentanza dei lavoratori, che contestavano il nuovo contratto d’appalto che non avrebbe tutelato i loro diritti. Dopo l’incontro, la sindaca aveva deciso di convocare il presidente di Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina, per avere maggiori informazioni in merito. I vertici della Fondazione, il presidente Regina e l’amministratore delegato José Ramon Dosal, sono stati ricevuti a Palazzo Senatorio dalla presidente della commissione capitolina Cultura, Eleonora Guadagno, e dal delegato della Sindaca al Personale e alle Relazioni sindacali, Antonio De Santis. Questi ultimi sono stati informati sull’esito della trattativa sindacale e hanno preso atto dell’accordo raggiunto. Il quale prevede, tra i punti principali, la parità di retribuzione rispetto al passato, l’applicazione per tre anni dell’art.18 per tutti i 54 dipendenti coinvolti, oltre al rispetto della clausola sociale che salvaguarda la continuità occupazionale dei lavoratori nei cambi di appalto. “Dopo l’intervento della sindaca – afferma De Santis – c’è stata di fatto un’accelerazione della trattativa che si è conclusa positivamente nel corso della scorsa notte. Siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto perché riteniamo che i diritti dei lavoratori vadano sempre difesi, a partire da quelli che svolgono la loro attività all’interno di strutture di proprietà di Roma Capitale.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Articolo precedenteTrinità dei Monti, tornano le azalee. Trecento piante bianche e lilla sulla scalinata
Articolo successivoVinitaly 2018, domani a Verona “Frascati Superiore DOCG, ambasciatore di un territorio”