Movida a Trastevere, arresti, sanzioni e ordinanza anti-alcol violata

0
65

(MeridianaNotizie) Roma, 3 luglio 2018 – La scorsa notte, i Carabinieri della Compagnia Roma Trastevere, unitamente a quelli della Compagnia Speciale hanno nuovamente passato al setaccio i vicoli dello storico quartiere capitolino per contrastare fenomeni di illegalità e degrado. Il bilancio è di 2 persone arrestate. Un 48enne italiano al quale i Carabinieri hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a suo carico per le reiterate violazioni compiute durante la permanenza ai domiciliari per furto. Ieri è incappato nei controlli dei Carabinieri, dall’interrogazione in banca dati è emerso il provvedimento restrittivo a suo carico ed è stato condotto a Regina Coeli. Il secondo arrestato è un pusher romano di 34 anni, con precedenti, sorpreso in possesso di decine di dosi di marijuana pronte per essere vendute. La successiva perquisizione scattata nella sua abitazione ha consentito di rinvenire altre numerosi dosi di marijuana, bilancini elettronici e tutto il materiale utile al confezionamento della droga. Il 34enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. L’attività dei Carabinieri ha posto particolare attenzione anche al decoro e al rispetto delle ordinanze e del Codice della Strada: è in questo contesto che 9 persone, sorprese a bere alcolici in strada, sono state sanzionate per complessivi 1.350 euro secondo quanto stabilito dall’ordinanza “Anti-alcol” del Comune di Roma. I gestori di un bar e di una pizzeria della zona che avevano “sforato” lo spazio di suolo pubblico a loro concesso per posizionare tavoli e sedie, sono stati multati. Inoltre, il titolare della pizzeria, insieme a quello di un vicino ristorante, sono stati sanzionati per diffusione sonora non autorizzata. Multato anche un “bibitaro” abusivo, un cittadino del Bangladesh di 42 anni, sorpreso dai Carabinieri con una borsa frigo contenente 19 bottiglie di birra pronte per la vendita che sono state sequestrate.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)