Ambiente, rivoluzione per oltre 85mila utenze commerciali: arriva il “porta a porta”

0
474

(MeridianaNotizie) Roma, 13 settembre 2018 – “È in arrivo una rivoluzione per oltre 85mila utenze commerciali. Estendiamo il nuovo “porta a porta” anche a ristoranti, negozi, supermercati, alimentari, scuole e mercati. Questo si aggiunge al nuovo sistema di raccolta tecnologica delle utenze domestiche con cui Ama è partita nel VI e X Municipio. Oggi, ad accettare la sfida, sono anche i commercianti che abbiamo già incontrato per illustrare il progetto. Una raccolta molto più semplice, fatta con modalità prestabilite, in giorni e orari programmati, sempre con sacchi o bidoncini con TAG dotato di microchip per monitorare i conferimenti. Vogliamo dare risposte reali e strutturali alla nostra città per arrivare all’obiettivo che ci siamo prefissati: il 70% di differenziata entro 2021”, ha dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi. “Stiamo rispettando fedelmente la nostra programmazione per estendere velocemente, su tutta Roma, la nuova raccolta differenziata domiciliare. Gli ottimi risultati che abbiamo già ottenuto dimostrano la bontà del nuovo sistema di raccolta tecnologica. Merito anche dell’impegno e della collaborazione dei cittadini. Un cambiamento epocale che ora ampliamo anche agli esercizi commerciali con conseguenti benefici ambientali ed economici. Con calendari di raccolta semplificati più efficienti e svuotamenti dei bidoncini tracciati andiamo dritti verso una Roma più pulita ed efficiente”, ha affermato Pinuccia Montanari, assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale. “Fondamentale il connubio tra rispetto dell’ambiente e dimensione produttiva, soprattutto in una città come Roma, che vanta un tessuto commerciale vivo e fibrillante. Coinvolgere gli esercenti nel nuovo servizio di raccolta differenziata, oltre ad essere una soluzione ottimale in fatto di igiene e decoro cittadini, mostra come lo sviluppo economico e l’ecologia possano andare di pari passo”, ha dichiarato Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)