Musica per Roma, un festival al mese: stagione 2018-2019

0
248

(MeridianaNotizie) Roma, 16 ottobre 2018 – Concepita per tutti i pubblici e tutti i gusti, densa di sorprese, centrata sulla musica e sullo spettacolo ma piena di momenti dedicati alla divulgazione culturale: si presenta così, molteplice per quanto diverse sono le forme d’espressione e d’arte, la stagione 2018-2019 di Musica per Roma all’Auditorium (e alla Casa del Jazz), 17esima della serie, presentata e inaugurata alla presenza del vicesindaco e assessore capitolino alla Crescita Culturale Luca Bergamo, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, del presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, del presidente della Fondazione Musica per Roma Aurelio Regina e dell’amministratore delegato della stessa Fondazione, José R. Dosal. In calendario oltre 500 tra concerti, spettacoli e appuntamenti culturali; oltre 50 lezioni; 11 tra festival e rassegne su temi che spaziano dall’economia alla letteratura e alla storia. La musica è presente in ogni sua forma oltre la classica (che, com’è noto, pertiene all’altra grande istituzione residente all’Auditorium, l’Accademia di Santa Cecilia) e dunque rock, pop, jazz, musica d’autore, elettronica, indie rock, musica per il cinema, musica sperimentale. “Un patrimonio di nomi e di eventi”, commenta Musica per Roma, “che vanta pochi esempi nel mondo”. Da anni, poi, l’Auditorium è sinonimo di festival e stavolta si è deciso di alzare il tiro: una rassegna al mese. Si comincia a novembre con l’Economia, poi il Gospel a dicembre, quindi a gennaio il Flamenco, a febbraio la danza contemporanea, a marzo i libri, ad aprile le scienze e, a seguire, la grande kermesse estiva del Roma Summer Fest. Come ogni anno, infine, c’è il fronte approfondimento con le lezioni su un ampio ventaglio di temi: storia, arte, filosofia, matematica, musica. Offerta ricca, poliedricità, trasversalità: su questi pilastri poggia il successo della formula Auditorium, sottolinea la Fondazione. Prova più recente, i dati degli appuntamenti tra gennaio e settembre 2018: più 3% di presenze (circa 312.000) rispetto allo stesso periodo del 2017, più 13% di incassi.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)