Roma, maltempo: anche oggi scuole chiuse per gli studenti. COC aperto, interventi in corso, sale operative in funzione

0
337

(MeridianaNotizie) Roma, 30 ottobre 2018 – Anche oggi, martedì 30 ottobre, le scuole di ogni ordine e grado nella città di Roma restano chiuse per alunni e studenti. A seguito del “Bollettino di criticità idrogeologica e idraulica” della Regione Lazio, che prevede il perdurare di condizioni meteo avverse, la sindaca Virginia Raggi ha firmato un’ulteriore ordinanza che impone la sospensione dell’attività educativa e scolastica nelle scuole di ogni ordine e grado, compresi asili nido e scuole dell’infanzia, su tutto il territorio cittadino. Gli istituti saranno comunque presidiati dai dirigenti scolastici e dai funzionari comunali dei servizi educativi e scolastici. Il provvedimento si rende necessario per prevenire pericoli per l’incolumità dei bambini e degli studenti, nonché per motivi attinenti la sicurezza e la circolazione stradale. Resta intanto aperto h24 il Centro Operativo Comunale (COC), che include tutte le strutture comunali e municipali di coordinamento delle attività per fronteggiare il rischio allagamenti e limitare eventuali disagi. 260 gli interventi del Servizio Giardini per rami o alberi caduti, con 25 squadre mobilitate nella sola giornata di lunedì. Il Dipartimento Tutela Ambientale ha attivato 19 ditte esterne. Su via Cristoforo Colombo si sta completando la rimozione in quota di rami pericolanti su una decina di pini. Giardini, parchi e ville storiche su tutto il territorio comunale sono stati chiusi con ordinanza della Sindaca e saranno riaperti al termine dell’allerta meteo, comunicato dal Centro Operativo Comunale. Tutto il personale è all’opera h24 per mettere in sicurezza le strade della Capitale e per gestire le numerosissime richieste di intervento: circa 670 dall’apertura del COC. Prosegue inoltre il piano straordinario di spazzamento strade e pulizia caditoie: Ama è al lavoro da venerdì sera con squadre per la rimozione di foglie e detriti (oltre 1.300 interventi), prevalentemente intorno ai platani e sulla Cristoforo Colombo (qui per rimuovere gli aghi di pino). Chiusi tutti i cimiteri, al loro interno vengono condotti interventi straordinari, in particolare a Prima Porta e al Verano. Il Dipartimento lavori pubblici (Simu) sta conducendo numerosi interventi sulle strade di grande viabilità per disostruire tombini, pulire caditoie, rimuovere rami e fango. Dal suo canto Atac ha completato oltre 20 interventi per la pulizia dei binari tranviari. Rimossi rami e detriti sulle ferrovie Roma-Lido e Roma-Viterbo. Predisposti 12 interventi sulle linee dei tram per il ripristino della rete elettrica, interrotta dai rami caduti. Posizionati sacchetti di sabbia a protezione delle stazioni per evitare allagamenti. Per l’accoglienza dei senza dimora sono a disposizione oltre 200 posti attivati per il maltempo. Predisposte due strutture straordinarie di accoglienza: una in via Giolitti, all’interno della Stazione Termini (grazie a un accordo con Fs), e l’altra in via Ventura, nella palestra del centro anziani. Unità di strada effettuano monitoraggio, in particolare lungo il Tevere e l’Aniene, per offrire accoglienza temporanea in situazione protetta. La sala operativa sociale è attiva H24. La sala operativa della Protezione Civile di Roma Capitale può essere contattata, per qualsiasi esigenza e per chiarimenti o informazioni, 24 ore su 24 al numero verde 800 854 854 o al numero 06-67109200. La stessa Protezione Civile informa i cittadini su cosa fare in caso di pioggia intensa e di vento forte. Ancora a proposito di alberi a rischio caduta: “Quello che si sta verificando in queste ore è un evento straordinario”, afferma l’assessora alla Sostenibilità Ambientale Pinuccia Montanari, “con vento a tempesta che ha raggiunto raffiche anche di 105 km orari. Vento che sta causando danni al verde urbano di Roma come nelle altre città interessate da questa eccezionale ondata di maltempo. Se si tiene conto di quanto accaduto in passato, si può vedere come tali fenomeni atmosferici incidano sempre pesantemente sul bilancio degli alberi caduti: nel 2008 a Roma un evento analogo aveva causato il crollo di 271 alberi, mentre a seguito della nevicata del 2012 ne sono caduti ben 497”. Le operazioni straordinarie contro il rischio maltempo si affiancano all’attività costante per mettere a sistema la gestione del verde a Roma. Monitorati oltre 82mila alberi di maggiori dimensioni (20 metri o più), schedati 65mila. A luglio 2018 erano 918 gli alberi abbattuti e 1.836 quelli potati. Intanto, ricorda il Campidoglio, si sta procedendo con l’assunzione di nuovi giardinieri e si arriverà a 100 nuovi assunti entro la fine dell’anno. Il piano prevede 100 nuovi giardinieri ogni anno, adeguatamente formati.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)