Latina, sgominata banda di spacciatori e di ladri di monete delle slot machine

0
218

(MeridianaNotizie) Latina, 17 novembre 2018 – Continua l’azione di contrasto da parte della Polizia si Stato nei confronti della criminalità. A riguardo la Questura di Latina ha accentuato l’attività info/investigativa relativamente ai reati predatori, che hanno caratterizzato la cronache degli ultimi giorni, allorquando sono stati registrati furti ai danni di esercizi commerciali ed in particolare l’asportazione di alcune slot machine.
La Sezione Antidroga e contrasto al Crimine Diffuso della locale Squadra Mobile, nella giornata di giovedì, ha tratto in arresto un cittadino italiano ed uno ucraino, pluripregiudicati, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente identificati in M. B. nato a Crotone nel 65 e N. D. nato in Ucraina 94.

All’esito di diverse perquisizioni domiciliari effettuate si procedeva al sequestro di vario materiale. In particolare, in un appartamento ubicato in località Borgo Faiti venivano rinvenuti 10 chili di MARIJUANA e 100 grammi di sostanza stupefacente, tra EROINA e COCAINA, nonché copioso materiale per il confezionamento di dosi, bilancini di precisione e materiale da taglio.
In particolare in un appartamento ubicato a Borgo Bainsizza, veniva rinvenuta la considerevole somma di circa 20,000 euro in banconote di vario taglio e 1300 euro in monete, materiale per il confezionamento di dosi, bilancini di precisione nonché arnesi utilizzati per lo scasso di saracinesche di attività commerciali e di porte blindate di civili abitazioni.
In un’altra abitazione ubicata a Latina in Via Persicara, veniva rinvenuto materiale per il confezionamento di droga, materiale da taglio, numerosi bilancini di precisione, denaro e sostanza stupefacente di tipo HASHISH.
In un appartamento di Tor Tre Ponti si riveniva, sostanza da taglio, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento di dosi.
I due spacciatori colti nella flagranza di reato di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti, venivano associati presso la Casa Circondariale di Latina a disposizione dell’A.G. procedente.