Lavori Pubblici, Lanuvio ha ottenuto un finanziamento di 600 mila euro per la Cittadella del Rugby

641

Lavori Pubblici, Lanuvio ha ottenuto un finanziamento di 600 mila euro per la Cittadella del Rugby

 

(MeridianaNotizie) Roma 21 novembre 2018 – Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti ha comunicato l’esito della graduatoria del bando “Sport e Periferie”. Al Comune di Lanuvio è stato riconosciuto un finanziamento tra i più cospicui ( 600 mila euro) per la realizzazione della Cittadella del Rugby. A tale contributo andrà ad aggiungersi un cofinanziamento di 200 mila euro da parte del Comune. “Si tratta – spiega Andrea Volpi, vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, dell’ennesima dimostrazione della capacità strategica e progettuale dell’amministrazione Galieti che nell’ultimo quinquennio, è riuscita ad ottenere, per meriti, diversi finanziamenti. Dopo aver restituito ai cittadini uno stadio completamente rinnovato e a norma di legge ( Egilberto Martufi), ci apprestiamo a compiere lo stesso percorso sull’impianto “Lucio Orlacchio” di Campoleone. Lo sport, per essere praticato, ha bisogno di impianti ed è per questo che continueremo ad impegnarci affinché i cittadini di Lanuvio possano disporre di strutture diversificate e all’avanguardia. E’ in corso la realizzazione di un campetto polivalente nel plesso della Scuola Ettore Majorana, è prossima la messa in opera della seconda area fitness comunale, sono in fase di elaborazione nuovi progetti per ampliare e migliorare ancora di più il nostro patrimonio destinato alle attività sportive. Nei prossimi giorni – conclude Volpi- organizzeremo una conferenza di presentazione del progetto nella quale sarà coinvolta la FIR (Federazione Italiana Rugby) nostro partner nella presentazione del progetto e la Consulta dello Sport del Comune di Lanuvio”.

Articolo precedenteLatina, venerdì la cerimonia di consegna degli attestati per i richiedenti asilo
Articolo successivoTivoli, arrestato l’Arsenio Lupin dei distributori automatici:oltre 20 i colpi messi a segno in sexy shop ed uffici pubblici e privati