Latina, Briganti: «Politiche del personale corrette ed efficaci: parlano i numeri»

0
177

«Le politiche seguite in materia di personale sono attuate nell’assoluto rispetto delle norme esistenti contrariamente a quanto dichiarato dalla consigliera Zuliani nell’articolo pubblicato sul giornale Latina Oggi del 25 novembre 2018 dal titolo “Politica del personale tra lacune ed omissioni”.

In primo luogo si intende ribadire la regolarità delle assunzioni operate sinora, mediante lo scorrimento di graduatorie valide di altri Comuni, procedura contemplata dalle norme esistenti (D. Lgs.n°165/2001 e norme successive:art.9, co.1, l. n°3/2003, art.3, co. 61, l. n°350/2003 in tema di scorrimento graduatorie concorsuali vigenti) e realizzata secondo criteri predefiniti dagli uffici del Comune. In tal senso la relazione che intercorre tra facoltà di scorrimento di graduatorie valide ed esperimento delle procedure di mobilità volontaria (ex art. 30, d. lgs. n°165/2001 e ss.mm.ii) è stata chiarita più volte dalla giurisprudenza amministrativa e contabile.

Infatti, l’esperimento della mobilità volontaria (definita volontaria dal legislatore non a caso, a differenza della mobilità obbligatoria ex art. 34 bis del d.lgs. 165/2001) non costituisce obbligo nel caso di assunzioni per scorrimento di graduatorie, ma solo in caso di esperimento di procedure concorsuali (sent. CdS, V, n°4329/2012; CdS, V, n°6536/2009; CdS,III,n°3308/2012;CdS,III, n°5230/2012;CdS 3750/2018), come testualmente disposto dal comma 2-bis dell’art. 30 D. Lgs. 165/2001.

Le procedure assunzionali esperite e quelle in essere, pertanto, sono tutte corrette e legittime. Quest’amministrazione ha posto sempre grande attenzione alle politiche di reclutamento e valorizzazione del personale esistente. La spia tangibile della volontà politica di promuovere un reale miglioramento nell’organizzazione della macchina amministrativa, in termini quantitativi e qualitativi, la si rinviene nei dati che sono inoppugnabili ed incontestabili. Dal 2016, ovvero dall’insediamento dell’Amministrazione Coletta, sono state operate ben 83 assunzioni di nuove unità lavorative. Le Progressioni economiche orizzontali del personale del Comune ad oggi concluse sono ben 220, di cui 23 riservate al personale di categoria “A”, 34 di categoria “B”, 112 di categoria “C”, 51 di categoria “D”, mentre quelle attivate ed in corso di ultimazione investono ben 188 partecipanti.

Ci preme, dunque, tranquillizzare la consigliera che all’interno della casa comunale non vi è alcun clima di diffidenza e che nessuno fugge. Chi ha scelto altre amministrazioni aveva delle legittime ambizioni personali. Non è proficuo diffondere tali affermazioni sulla pelle del personale, che invece deve continuare a lavorare con la serietà e serenità di sempre. Appare pertanto decisamente fuori luogo dipingere un quadro a tinte fosche, come ha fatto la consigliera Zuliani.

L’analisi della consigliera appare contrassegnata da una certa vacuità di parola nell’utilizzo di considerazioni che richiederebbero maggiore cautela. Le procedure di assunzione di questa amministrazione si basano su requisiti concorsuali che sono uguali per le categorie giuridiche presso tutti gli enti e pertanto le categorie assunte sono assolutamente adeguate, anche se selezionate presso altri Comuni.

Per quanto concerne, infine, gli indirizzi in tema di nuove assunzioni sono in corso di svolgimento nel 2018 le procedure di reclutamento di 1 unità di categoria D – area amministrativa mediante procedura di mobilità, di 2 unità di cat. D – area amministrativa, di 2 unità cat. D – aree tecnica ed informatica, di 2 unità cat. D – area vigilanza, mediante concorso pubblico con riserva del 50% al personale interno; mentre per il reclutamento di 1 unità di cat. D – area socio assistenziale si procederà mediante concorso pubblico».

Lo dichiara in una nota l’assessore al personale Maria Paola Briganti.