Rivalutiamo Marina di Ardea: “Canale delle Acque Basse discarica legalizzata”

0
378

(MeridianaNotizie) Ardea, 23 gennaio 2019 – L’O.d.V. “Rivalutiamo Marina di Ardea”, in collaborazione con le Associazioni Ambientaliste “Save the Sea Roma”, “Creature del Mare”, “Care The Oceans”, segnala il grave stato di pericolo, sia per la salute umana, sia per l’ecosistema ambientale relativo alle enormi quantità di rifiuti di ogni genere abbandonati consuetudinariamente negli anni da ignoti lungo tutto il Canale delle Acque Basse fino alla foce del mare (zona Salzare).

“Purtroppo – dichiara il presidente Michele Di Stefano – , da anni, la completa assenza di controllo da parte delle istituzioni locali, ha di fatto contribuito, che il canale stesso diventasse una sorta di discarica legalizzata. Si richiede con urgenza, un  sopralluogo per constatare la gravità del danno ecologico provocato dalle enormi quantità di rifiuti che il canale stesso in piena, porta in mare ogni volta che piove. Distruggendo l’ecosistema ambientale, la fauna e flora marina, di per sé già agonizzante.

“I grossi mucchi di rifiuti ostruiscono il regolare deflusso delle acque pluviali – aggiunge il presidente di Rivalutiamo Marina di Ardea –  causando forti allagamenti delle aree abitative e stradali. Si fa inoltre presente, che nel periodo estivo il canale di cui in oggetto, presenta acqua ristagnante, habitat naturale per la proliferazione di zanzare, con il conseguente e serio rischio per la salute umana, derivata dalle zanzare tigri infette.

“Non dimentichiamo i tanti casi di contagio da Chikungunya nel nostro territorio e territori limitrofi – conclude Di Stefano – sviluppatisi nel mese di settembre 2017. Chiediamo l’intervento per una completa bonifica del canale  in attesa di un cortese riscontro”.