Roma: mostre, eventi e appuntamenti per il weekend 

0
489
DCF 1.0

(MeridianaNotizie) Roma, 24 gennaio 2019 – Roma capitale della cultura. La città, viva e attiva, raccoglie ogni giorno un fitto calendario di incontri, eventi, mostre, attività. Eccone alcuni per il fine settimana di venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 gennaio.

Venerdì 25 e sabato 26 gennaio dalle 19.30 alle 23.00 (ultimo ingresso alle ore 22.00) è possibile conoscere L’Ara com’era attraverso il progetto multimediale che permette di rivivere le vicende dell’altare monumentale nel corso dei secoli. Utilizzando particolari visori, elementi virtuali ed elementi reali si fondono, trasportando i visitatori in una visita immersiva e multisensoriale all’altare voluto da Augusto per celebrare la pace da lui imposta su uno dei più vasti imperi mai esistiti. L’esperienza, tra ricostruzioni in 3D e computer grafica, realtà virtuale e aumentata, della durata di circa 45 minuti, è disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni.

Nel fine settimana sono in programma, inoltre, visite guidatecondotte da personale specializzato nell’ambito del progetto di accessibilità Musei da toccare, ideato con l’obiettivo di realizzare musei ‘senza frontiere’, a misura di tutti, e offrire all’intero pubblico la possibilità di accedere alle strutture museali e alle aree archeologiche, facilitando l’accesso al patrimonio culturale e valorizzando le buone pratiche rivolte all’inclusione.

Venerdì 25 gennaio, dalle 16.00 alle 18.30, alla Casina delle Civette di Villa Torlonia è previsto l’appuntamento con La Casina delle meraviglie. Accanto alla descrizione delle trasformazioni architettoniche dell’edificio, caratterizzato da un aspetto medioevale con un apparato decorativo in stile Liberty, il visitatore potrà essere accompagnato in un percorso sulle arti applicate, esplorando gran parte delle vetrate, un unicum nel panorama artistico internazionale, e degli arredi artistici. A supporto della visita tattile sarà a disposizione anche materiale tiflodidattico.

Musei da toccare proseguirà sabato 26 gennaio, dalle 10.30 alle 13.00, con Il Pleistocene da toccare al Museo di Casal de’ Pazzi. Il percorso tattile prevede un racconto di ciò che si vede nel giacimento, usufruendo di un apposito plastico ricostruttivo in scala dove sarà possibile individuare “toccando” la struttura del giacimento e la dislocazione dei principali resti. Nella sala espositiva sarà inoltre possibile toccare alcuni resti faunistici fossili. Il percorso sensoriale proseguirà con i contenuti floristici del “Giardino Pleistocenico”.

Infine Esplorazioni tattili all’Ara Pacis, al Museo dell’Ara Pacis, il 27 gennaio (15.30-18.00) comprenderà un articolato percorso tattile, che, attraverso una significativa selezione di opere dalla collezione permanente, consentirà un’esperienza inclusiva e ‘diversa’ del monumento e della sua architettura, della sua ricca e significativa decorazione vegetale, ma anche dei protagonisti della storia e della sua realizzazione.

Le visite tattili-sensoriali sono visite speciali rivolte al pubblico dei visitatori con disabilitàPrenotazione obbligatoria al numero 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00).

Alla Galleria d’Arte Moderna Letture per Taranto, venerdì 25 gennaio dalle 18.30 alle 21.30, prevede la lettura di tre poesie di Dante Maffia e brani di Giuse Alemanno, Alessandro Leogrande, Elisa Mauro. Al centro dell’iniziativa,l’installazione etica di Antonio Fraddosio Le tute e l’acciaiodedicata agli operai dell’Ilva e alla città di Taranto.

Visita alla mostra Balla a Villa Borghese al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese sabato 26 gennaio (alle 11.00), per adulti e famiglie che potranno riscoprire la biografia e l’opera più intima del pittore, quella degli affetti e dei luoghi vissuti e scoprire il collegamento esistente tra l’artista e la Villa Borghese, luogo che, allora come oggi, è cuore pulsante della vitalità cittadina.

Una valigia con le ruote alla Centrale Montemartini,domenica 27 gennaio alle 11.00, proporrà una visita guidata animata, per famiglie con ragazzi dai 5 agli 11 anni, attraverso le sale del museo, utilizzando, nelle varie tappe del percorso, oggetti e materiali contenuti in una piccola valigia. Un vero e proprio laboratorio itinerante nel quale i partecipanti saranno coinvolti nelle storie delle divinità e degli eroi che incontreranno attraverso racconti animati, giochi e attività divertenti.

Sempre per i bambini, Scienza divertente. In viaggio con Darwin, una nuova iniziativa didattica del Museo Civico di Zoologia, sabato 26 gennaio alle 15.30 – 17.30. Un vero e proprio viaggio avvincente attende i giovani esploratori nei panni del famoso naturalista Charles Darwin, per divertirsi a scoprire le incredibili e varie forme di vita del Pianeta Terra.

Sono due gli appuntamenti di Archeologia in Comune di questo fine settimana: sabato 26 gennaio, alle 11.00, Villa e Museo della Villa dell’Auditorium (a cura di Paola Chini), con appuntamento all’Auditorium Parco della Musica, edomenica 27 gennaio, alle 11.00, Castro Pretorio (a cura di Carlo Persiani), con appuntamento a piazzale della Croce Rossa, di fronte al monumento al Balilla. Ingresso gratuito; visita guidata gratuita. Prenotazione allo 060608 (max 25 persone).

Sono tante le Mostre da visitare durante il fine settimana, che si aggiungono al grande patrimonio di collezioni permanenti dei musei, a cominciare dalle due in corso aiMusei Capitolini La Roma dei Re. Il racconto dell’archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura. Proseguendo con Balla a Villa Borghese e L’acqua di Talete. Opere di José Molina, alMuseo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, la prima incentrata sulle opere dipinte dall’artista nella villa e l’altra sulle origini del pensiero occidentale.

Al Museo di Roma, oltre a Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961, è in corso Paolo VI. Il Papa degli artisti, una mostra che ripercorre la storia degli ultimi tre concili dell’età moderna che hanno determinato radicali cambiamenti nella storia della Chiesa.

Nuova mostra, da non perdere, alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi: Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, una riflessione sulla figura femminile attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri. Nel chiostro-giardino della Galleria, inoltre, l’installazione etica di Antonio Fraddosio Le tute e l’acciaio, dedicata agli operai dell’Ilva e alla città di Taranto.

Molto interessante al Casino dei Principi di Villa TorloniaDiscreto continuo – Alberto Bardi. Dipinti 1964/1984, una mostra che ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica.

Oltre alla straordinaria Lisetta Carmi. La bellezza della verità, al Museo di Roma in Trastevere è in corso l’esposizione Vento, caldo, pioggia, tempesta. Istantanee di vita e ambiente nell’era dei cambiamenti climatici con la quale, attraverso un percorso di fotografie, Greenpeace racconta i cambiamenti climatici.

Inoltre, al Museo dell’Ara Pacis è da non mancare la mostra che ripercorre la carriera straordinaria di Marcello Mastroianni e al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco e al Museo Ebraico di Roma l’esposizione dedicata all’archeologo e mercante d’arte Ludwig Pollak(Praga 1868 – Auschwitz 1943), che racconta la storia professionale e personale del grande collezionista, dalle sue origini nel ghetto di Praga agli anni d’oro del collezionismo internazionale, alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali Viaggio nel Colosseo – Magico fascino di un monumento, una mostra grafica sul fascino che “la magia” del Colosseo ha sempre esercitato sull’artista austriaco Gerhard Gutruf, attraverso una selezione delle sue opere realizzate in tecniche e formati differenti.

 

Nell’ambito della rassegna Prima dei serial: la grande avventura dello sceneggiato italiano, alla Casa del Cinema di Roma, venerdì, sabato e domenica alle 16.00 proiezione di Il mulino del Po di Sandro Bolchi (replica prima e seconda puntata il 25 gennaio; replica terza puntata il 26 gennaio; replica quarta e quinta puntata il 27 gennaio).

Domenica 27 alle 18.00 ancora una replica: Bulli e Pupe, storia sentimentale degli anni cinquanta di Steve Della Casa, Chiara Ronchini, un viaggio dentro l’Italia dal secondo dopoguerra fino all’alba del ’60.

In corso, la mostra L’Arte dell’illusione sugli effetti visivi (trucchi, effetti ottici, effetti digitali) nati insieme all’invenzione del cinema e che si sono evoluti in un ventaglio di tecniche complesse, fondamentali per completare la visione di autori e registi. Attraverso una panoramica dei lavori realizzati da alcuni dei principali studi italiani, questa raccolta rappresenta uno sguardo sullo stato dell’Arte nel nostro paese.

 

Alla Casa della Memoria e della Storia, nell’ambito dellaSettimana della Memoria, venerdì 25 gennaio alle 17.00 incontro Il male inascoltabile? Parlare di Shoah con i bambini. Domenica 27 gennaio alle 10.00 Immagini, voci, musica per la memoria e alle 16.00 Costruire la memoria, lettura di testimonianze di sopravvissuti ai lager nazisti e concerto dei giovani musicisti dell’Ensemble del Conservatorio di “S. Cecilia” di Roma.

Nella giornata di venerdì si potranno anche vedere le installazioni di Fabrizio Dusi Don’t Kill 1938. La mostra, a ingresso libero, evoca il drammatico tema delle leggi razziali, emanate dal regime fascista nel 1938.

Per i possessori della MIC card è gratuito l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre gratuite le visite e le attività didattiche che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo, a esclusione delle mostre Marcello Mastroianni al Museo dell’Ara Pacis e Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961 al Museo di Roma.

Ricordiamo che la MIC può essere acquistata da chi vive o studia a Roma al costo di 5 euro e permette l’ingresso illimitato per 12 mesi nel Sistema dei Musei in Comune. Da pochi giorni, inoltre, è attiva un’altra importante novità: l’edizione GIFT (acquistabile solo nei musei del Sistema – a esclusione di Casa Museo Alberto Moravia e il Museo di Casal de’ Pazzi e dei Musei del Territorio – o nei Tourist Infopoint). La MIC Card si potrà infatti regalare, sempre al costo di 5 euro, a chiunque possegga i requisiti per attivarla. Per farlo, il destinatario del dono dovrà semplicemente recarsi in una della biglietterie dei Musei in Comune o nei Tourist Infopoint, con documento di riconoscimento valido e con un certificato che attesti il possesso del requisito, e compilare l’apposito Modulo Richiesta Dati Titolari Mic Card.

Il programma è suscettibile di variazioni, per info e aggiornamenti 060608 (tutti i giorni 9.00 19.00) museiincomuneroma.it

Apre al Palazzo delle Esposizioni da sabato 26 gennaio la mostra Testimoni dei Testimoni. Ricordare e raccontare Auschwitz, da un’idea degli studenti dei viaggi della memoria, messa in scena di Studio Azzurro. Domenica 27 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria, l’ingresso alla mostra sarà gratuito.

Sempre domenica 27 alle 17, nella la sala Cinema, verrà proiettato The Dead Nation, il documentario del grande regista Radu Jude composto esclusivamente da una straordinaria raccolta di fotografie di una cittadina rurale rumena fra gli anni Trenta e Quaranta, realizzate dal fotografo ritrattista Costică Acsinte. La colonna sonora che accompagna questi “frammenti di vite parallele” è la lettura degli attualissimi estratti dal diario che il medico, scrittore e poeta ebreo Emil Dorian tenne nello stesso periodo.

Gli eventi fanno parte di Memoria genera Futuro, programma di appuntamenti coordinato da Roma Capitale in occasione del Giorno della Memoria 2019.

Al Macro Asilo il 24 e 25 gennaio si terrà il Rebirth Forum Roma a cura di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto Onlusuna serie di dibattiti finalizzati alla definizione e successiva realizzazione di azioni concrete, in linea con i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 ONU per lo sviluppo sostenibile, aperti ad organizzazioni che già operano in un territorio sulla base di una propria vocazione alla responsabilità e all’azione diretta.

Venerdì 25 alle 18 incontro con Marcello Fonte. L’«eroe maldestro eppure pieno di candore», protagonista del film “Dogman” di Matteo Garrone, presenta la sua autobiografia “Notti Stellate” (Einaudi 2018): dalle baracche della periferia di Reggio Calabria, la vita di un ragazzino «troppo povero per sognare un riscatto, ma così capace di meraviglia che non può non cercarlo con tutto sé stesso».

Sabato 26 alle 17 avrà luogo la lectio magistralis di Adrian Paci sul tema spostamenti e aperture. La sera, alle 20, la Ricreazione a cura di Marcho Gronge: concerto dei Nondj Nonduo, elettronica con movenze liberatorie di Matteo Di Giamberardino, contaminate dalle incursioni sintetiche di Marco Olivieri.

Domenica 27 alle 11 in sala cinema Il memoriale italiano di Auschwitz e la crisi della cultura di tutela lectio magistralis di Sandro Scarrocchia. Le complesse vicende del “monumento alla deportazione italiana” installato nel blocco 21 di Auschwitz nel 1979 e smantellato nel 2016, perché ritenuto inadatto dal clima revisionista dei governi polacchi, per esser trasferito a Firenze.

Dalle 13 alle 15 si terrà il concerto Ascolti musicali… per non dimenticare del Coro Altrenote: le melodie e i ritmi della tradizione ebraica si fondono con le musicalità dei Paesi del mondo dove si è radicata nel tempo.

Al Mattatoio nello spazio Pelanda in programma fino al 28 gennaio il Roma Fringe Festival, il più importante festival mondiale di spettacolo dal vivo. Un evento che si replica in ogni capitale culturale del mondo. Nato nel 1947 a Edimburgo (UK), conta oggi circa 240 festival annuali, dall’Australia agli Stati Uniti, dall’Asia alla nostra Europa. Ogni anno, 19 milioni di persone in tutto il mondo vedono 170 mila artisti replicare 79 mila spettacoli. Ad andare in scena sul palco del Roma Fringe Festival saranno, per la prima volta, 36 spettacoli provenienti da Italia, Inghilterra e Israele, mai presentati al pubblico romano e, per la maggior parte, prime nazionali assolute, con una tassativa parola d’ordine: indipendenza.

All’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia Antonio Pappano dirige l’Orchestra nell’esecuzione del grandiosoRequiem K 626 di Mozart. Il Direttore sarà impegnato per il suo primo concerto del 2019 all’Auditorium Parco della Musica,  nella Sala Santa Cecilia  sabato 26 alle 18 e domenica 27 alle 18. Le voci soliste saranno quelle del soprano Mariangela Sicilia e del mezzosoprano Sonia Prina insieme a quelle del tenore Frédéric Antoun e del basso  Georg Zeppenfeld. Il programma continua con il Concerto per violino “Alla memoria di un angelo” di Berg che vedrà sul palco ceciliano l’attesissimo ritorno del violinista statunitense Gil Shaham.

Domenica 27 nuovo appuntamento con il Family Concert, introduzione alle 11.30 e concerto alle 12, in Sala Petrassi all’Auditorium Parco della Musica, per unensemble Labirinto Vocale costituito da elementi del Coro dell’Accademia di Santa Cecilia impegnato per l’occasione in un programma eterogeneo  che lega il sacro ed il pop con musiche di Arvo Pärt, Clannad, Steele, Edenroth, Tears For Fears, Cohen

Le proposte del Teatro di Roma nel week end danno appuntamento al Teatro Argentina con La Tragedia del Vendicatore, scritto da Thomas Middleton e diretto da Declan Donnellan, acclamato regista di originali messe in scena shakespeariane. La storia di un connubio di intrighi, corruzione, lussuria, narcisismo e brama di potere, sullo sfondo di una corte del Seicento che finisce per rivelarsi spaventosamente contemporanea. Sempre all’Argentina, per il ciclo di sette appuntamenti Luce sull’archeologia è previsto per il 27 gennaio il secondo incontro dal titoloRoma sotto le Alpi. Al Teatro India Antonio Latella porta in scena il grande classico letterario dell’Aminta, favola boschereccia scritta nel 1580 da un gigante della letteratura italiana, Torquato Tasso. Immersi in una scena scura ed essenziale, i quattro attori danno voce ad una ricerca il cui fulcro è l’Amore e la forma eternamente differente che assume nel cuore degli esseri umani, mutata e rinnovata per ciascuno. Sempre all’India in scena Peter Pan Guarda sotto le Gonne, primo capitolo della Trilogia Sull’identità di Liv Ferracchiati, l’artista che con la sua riflessione sul genere ha conquistato la scena nazionale; sul palco l’infanzia di un undicenne degli anni ’90 nato in un corpo femminile. Al Teatro Torlonia in scena La Fisarmonica Verde, per la regia di Ulderico Pesce, su testo di Andrea Satta, anche in scena per raccontare la storia di una ricerca: quella di un figlio nei luoghi di vita del padre scomparso, sulla traccia di un cappotto russo, una fisarmonica verde smeraldo e un documento che denuncia una singolare strage di internati politici avvenuta nel campo di Lengenfeld, in Germania, nel 1945.

Infine al Teatro Valle la mostra dedicata a Eugenio Barbaper raccontare Gli spazi segreti dell’Odin Teatret dal 17 gennaio al 17 febbraio, una installazione sui 54 anni di attività della sua compagnia: un momento esperienziale per i visitatori che saranno invitati a costruire ciascuno il proprio percorso fra video, manifesti che hanno segnato la storia della compagnia, scenografie film e proiezioni.

All’Auditorium Parco della Musica in prima assoluta ilreading con canzoni di Claudio Morici e Ivan Talarico il 25 gennaio. In settimana anche doppia replica dello spettacoloSulle spine di Urbano Barberini. Continuano Le Lezioni di Storia con ospite questa volta Alessandro Barbero e quelle di Jazz con Stefano Zenni il 27 gennaio. Alla Casa del Jazzper il ciclo Giovani Leoni il chitarrista e compositore Stefano Carbonelli, alla guida del suo quartetto, presenta il suo ultimo progetto Morphé sabato 26 gennaio.