Roghi al campo nomadi di Castel Romano, Regimenti (Lega): Tutelare salute cittadini

0
453

(MeridianaNotizie) Roma, 8 febbraio 2019 – “Esprimo grande preoccupazione per l’emergenza sanitaria che sta interessando in questi giorni il campo nomadi di Castel Romano, che conta almeno 500 persone ed è situato nel IX Municipio di Roma, a poca distanza da Pomezia”. Lo afferma la responsabile della Sanità per la Lega nel Lazio, Luisa Regimenti, che aggiunge: “I continui incendi, sembra di natura dolosa, di centinaia di autovetture, sterpaglie e rifiuti di ogni genere, stanno avvelenando l’aria e le falde acquifere. Gli interventi dei Vigili del Fuoco finora hanno limitato i danni, ma i problemi per la salute dei cittadini rimangono, per effetti tossici che possono incidere a livello respiratorio e cardiocircolatorio e per la possibile presenza di sostanze cancerogene nell’ambiente, ma anche per potenziali rischi a lungo termine”.

“La situazione appare molto difficile sotto il profilo ambientale e igienico-sanitario – prosegue Regimenti – ma la criticità riguarda anche la sicurezza di chi risiede nei Comuni limitrofi e dei pendolari, che ogni giorno percorrono la strada Pontina per spostarsi da e per la Capitale. Siamo sicuri che gli organi competenti, amministrazione comunale e Asl in primis, abbiano già predisposto misure di intervento atte a ridimensionare l’accaduto e a bonificare l’intera area. Sollecitiamo, tuttavia, il sindaco Raggi, che aveva promesso di smantellare il campo rom di Castel Romano già a dicembre dello scorso anno a prendere una posizione chiara sulla vicenda, considerando anche la decisione del governatore Zingaretti di prorogare fino al 2021 l’autorizzazione al campo in attesa del suo smantellamento. I cittadini, perciò, devono essere tutelati” conclude Regimenti.