Sanità Lazio, Regimenti (Lega): Zingaretti e D’Amato trovano scuse sul degrado mentre i cittadini muoiono

0
278

(MeridianaNotizie) Roma, 1 febbraio 2019 – Roma, 1 febbraio 2019 – “Mentre i cittadini muoiono nelle corsie degli ospedali, con barelle bloccate e una sanità senza più regole, il presidente della Regione Lazio Zingaretti e il suo assessore D’Amato rilasciano dichiarazioni con le quali cercano di giustificare una situazione che, secondo il Ministro della Salute Grillo, è davvero poco confortante”. Lo afferma la responsabile della Sanità nel Lazio per la Lega, Luisa Regimenti, che aggiunge: “I temi sul piatto della bilancia sono pesanti, si discute di uscita o meno dal commissariamento, di ospedali sporchi e pericolosi, di pronto soccorso ridotti a luoghi infernali, ma a farne le spese sono come sempre i cittadini-pazienti, che sopportano situazioni a dir poco allucinanti, pur pagando un servizio sanitario che dovrebbe garantire loro cure e assistenza e, in generale, il diritto alla salute”.

“Le polemiche non fanno certo bene a tutti noi – prosegue Regimenti – i problemi e le criticità vanno affrontati e risolti, occorrono idee chiare e strumenti adeguati. Invece si parla di consuntivi, di proiezioni, di numeri, di propaganda politica, di soldi che ci sono oppure no. E nel frattempo le barelle restano bloccate in corsia, le spese aumentano con il servizio di ambulanza esterno, le liste di attesa sono infinite e sarebbe meglio chiuderle e basta. Come Lega, in Consiglio regionale abbiamo riunito attorno a un tavolo centinaia di medici qualificati per trovare un programma condiviso e vogliamo continuare a seguire la strada del cambiamento. Basta polemiche – conclude – bisogna intervenire con i fatti”.