Genoa-Lazio 2-1, Criscito beffa i biancocelesti allo scadere

0
482
Foto: S.S. Lazio
Foto: S.S. Lazio
(MeridianaNotizie) Genova, 17 febbraio 2019 – Finale beffardo per la formazione di Inzaghi nella 24esima giornata di campionato. A Marassi i biancocelesti in vantaggio con Badelj, vengono rimontati dai rossoblu grazie alle reti di Sanabria e Criscito allo scadere allo scadere.
Genoa e Lazio si affrontano a Marassi per la 24esima giornata del Campionato di Serie A. La squadra di Inzaghi si presenta allo scontro con il Grifone di Prandelli con una rosa decimata dagli infortuni e con gli uomini contati. In settimana, la sconfitta anche in Europa League contro il Siviglia. Situazione tutto sommato positiva in campionato, con i biancocelesti ad un solo punto dalla zona Champions League e reduci da due vittorie consecutive. Rientro in extremis per Ciro Immobile. Cesare Prandelli schiera un 4-3-3, Simone Inzaghi risponde con un 3-5-1-1 a causa dei tanti infortuni. Piccola curiosità: in campo ci sono ben due Radu, ma è un semplice caso di omonimia, in quanto il portiere genoano e il difensore laziale non sono parenti.
PRIMO TEMPO – L’arbitro Luca Banti dà il via all’incontro, con la Lazio che batte il calcio d’inizio. Pronti e via e subito il primo fallo della gara: lo spagnolo Patric contrasta fallosamente Kouamé . Al 14′ prima occasione da goal per la Lazio in un primo tempo abbastanza soporifero: l’ex Romulo calcia da fuori ma non centra il bersaglio. Al 24′ conclusione dalla distanza anche del genoano Kouamé ma alto. Al 30′ del primo tempo da segnalare la prodezza di Strakosha: il numero 1 laziale fa gli straordinari sulla conclusione del rossoblu Rolon. Al 34′ è di nuovo l’estremo difensore laziale a togliere le castagne dal fuoco, con un deciso intervento su un potente tiro di Sanabria, chiamato a raccogliere la pesante eredità di Piatek. Al 40′ reazione delle Aquile: Marusic si presenta a tu per tu con il genoano Radu che salva allungando il piede sinistro. Occasione divorata per il nazionale montenegrino. La prima frazione di gioco, ringalluzzita negli ultimi minuti di gara, si chiude con il vantaggio laziale: al 44′ Milan Badelj apre le marcature sfruttando l’assist di Immobile.
SECONDO TEMPO – Nessun cambio per Inzaghi, mentre Prandelli inserisce Bessa al posto di Lazovic. Al 54′ la Lazio ha l’occasione per chiudere il match: Radu compie un miracolo su Correa, ispirato da Immobile, oggi in vena di assist. Al 55′ è proprio il cannoniere laziale a lasciare il campo: al suo posto Caicedo. Al 63′ altra occasione sciupata per la Lazio, è la traversa a negare a Badelj la gioia della doppietta. Un giro d’orologio dopo Lucas Leiva subentra a Romulo. Al 69′ è il difensore laziale Patric a finire per primo sul taccuino dell’arbitro: il fischietto Luca Banti gli esibisce il cartellino giallo. Al 72′ problema per il Radu laziale: al suo posto Inzaghi manda in campo Bruno Jordao. Al 74′ il Genoa agguanta la Lazio: è Sanabria ad andare in rete, complice un rimpallo beffardo con Leiva. Per il numero 9 genoano è il terzo gol in quattro partite. Il Genoa si sente più sicuro di sé ed inizia il forcing finale: al 78′ Bessa manda di poco alto, al 80′ è il solito Kouamé a provare la conclusione ma senza successo. Al 90′ giallo anche per Badelj, a cui si unisce l’ex laziale Pandev un minuto dopo per simulazione. Al 93′, nel terzo dei quattro minuti di recupero, si consuma la beffa per la Lazio: tiro angolato e chirurgico del capitano genoano Criscito e palla che si insacca nella porta laziale, decidendo il match e consegnando i tre punti ai padroni di casa. Al 94′ l’arbitro manda tutti sotto la doccia.
Una sconfitta che fa male alla Lazio, sia per la beffa e sia per la rosa falcidiata dagli infortuni. Battuta d’arresto per la lotta Champions. Sorride invece il Genoa, che prende una boccata di ossigeno in classifica e si porta in acque più tranquille, a ridosso di Parma e Sassuolo.

 

GENOA-LAZIO 2-1

GENOA (4-3-3): Radu 6,5; Biraschi 6 (43’st Pereira sv), Romero 6,5, Zukanovic 6, Criscito 7; Rolon 6,5, Radovanovic 5,5 (12’st Pandev 6,5), Lerager 6; Lazovic 5,5 (1’st Bessa 6,5), Sanabria 7, Kouame 6. A disp. Marchetti, Jandrei, Gunter, Pezzella, Bessa, Pereira, Lakicevic, Veloso, Pandev, Dalmonte. All. Prandelli 6,5.

LAZIO (3-5-2): Strakosha 7; Patric 5,5, Acerbi 6, Radu 6 (26’st Jordao 6); Marusic 6, Romulo 6,5 (19’st Leiva 5,5), Badelj 7,5, Cataldi 6,5, Lulic 6; Correa 5,5, Immobile 5 (10’st Caicedo 6). A disp. Proto, Guerrieri, Kalaj, Jordao, Leiva, Neto, Caicedo. All. Inzaghi 6.

Arbitro: Banti
Marcatori: 44’pt Badelj (L), 30’st Sanabria (G), 48’st Criscito (G)
Ammoniti: Patric, Badelj (L), Romero, Pandev, Criscito (G)
Espulsi:

 

Matteo Ferrera

Foto: S.S. Lazio
Foto: S.S. Lazio