Ardea, festeggiamenti per la sesta edizione del Gemellaggio con la Germania

0
604

(MeridianaNotizie) Ardea, 15 marzo 2019 – Ieri alle 14.30 ad Ardea, nella sala consiliare “Sandro Pertini”, si è svolto il saluto dell’Amministrazione comunale alla delegazione studentesca della scuola Ten Brink Schule di Rielasingen-Worblingen, città tedesca con la quale Ardea ha stretto un gemellaggio dal 2002, e ai ragazzi della Scuola Media Virgilio. Tra le due scuole è forte e presente da anni un solido gemellaggio.

I ragazzi delle due scuole gemellate, accompagnati dai propri docenti, si sono seduti tra i banchi dell’aula consiliare. Ha aperto l’incontro il saluto e il benvenuto ai ragazzi da parte dell’Amministrazione comunale, in questa circostanza rappresentata dal consigliere Dott.ssa Paola Soldati, presidente della Commissione comunale Scuola, Cultura, Sport e Turismo, che ha portato ai presenti i saluti del sindaco Savarese e di tutta l’Amministrazione. Nel discorso, la Soldati ha messo in evidenza le bellezze di Ardea e la sua millenaria storia, ricordando anche il grande Maestro Giacomo Manzù.
In conclusione, il consigliere ha salutato i ragazzi dandogli l’arrivederci per il prossimo anno. I ragazzi della Virgilio erano accompagnati dal prof. Gennaro Conte dell’IC Ardea 1. Tra i promotori ed organizzatori dell’evento anche Luciano Mucaria, presidente dell’Associazione culturale “Quo Vadis”. Ha contribuito alla riuscita dell’evento anche la Pro Loco Ardea.
L’interscambio di studenti tra Ardea e Rielasingen conta già sei anni di attività. Il periodo di permanenza degli studenti tedeschi, cominciato il 13 marzo con una festa alla Virgilio, durerà fino al 20 marzo. Dal 26 marzo al 2 aprile, invece, sarà la volta degli studenti italiani viaggiare in Germania. Un gemellaggio e un’amicizia duratura che mettono in evidenza l’importanza dell’Unione Europea e che sottolinea, in un periodo storico confuso e pieno di pericolosi revisionismi, come sia importante sentirsi cittadini europei e condividere i valori di pace, progresso e solidarietà con gli altri popoli del Vecchio Continente.
Matteo Ferrera