Latina, Trattati Europei: il focus sulle opportunità del Forum Giovani

424

(MeridianaNotizie) Latina, 27 marzo 2019 – Un focus sulle opportunità che l’Europa offre ai giovani con numerose esperienze a confronto, così il Forum dei Giovani di Latina ha voluto ricordare lunedì 25 marzo la firma dei Trattati di Roma, i quali hanno gettato le fondamenta dell’Unione Europea. L’evento, promosso dal Tavolo di lavoro Diritti civili – Disagio giovanile – Città internazionale, tenutosi presso la Sala conferenze del Palazzo della Cultura, è stato accompagnato dai video-saluti del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, che ha manifestato l’appoggio dell’istituzione all’iniziativa, e dai saluti dell’Assessore alla programmazione europea del Comune di Latina Cristiana Leggio e del Vicecoordinatore del Forum Fabrizio Almanza.

“Mentre i media – ha sottolineato Benedetto Delle Site, responsabile del gruppo di lavoro – tendono a trasmetterci la visione di una Europa lontana dalle nostre vite, abbiamo voluto dimostrare che esiste una Europa vicinissima, che concretamente offre una serie di opportunità a giovani per la loro crescita”.

L’incontro ha visto Andrea Parisi, project manager e amministratore di TentAzione Europa, società che supporta i giovani nell’accesso agli strumenti europei, tenere una lezione aperta e molto partecipata dai ragazzi. In particolare, sono intervenuti portando la loro esperienza Mykyta Bykovests, Lorenzo Cirelli, Carlo Piccolo, Francesca Cappadocio e Isabella Velardo, a testimonianza di come la gioventù latinense in termini di crescita formativa e professionale sia toccata positivamente dal processo di integrazione europea.

“Uno dei grandi problema dell’Europa – ha concluso il Coordinatore del Forum dei Giovani, Alessandro Di Muro – è molto spesso la mancanza di conoscenza e di informazione delle opportunità, e su questo bisogna continuare a lavorare”.

Articolo precedenteFamiglia, Gandolfini: a Verona tre giorni di riflessioni e proposte per la famiglia.
Articolo successivoAutismo, dalla Asl Roma 5 un nuovo modello di integrazione tra servizi di primo e secondo livello