Pomezia, il 10 marzo congresso fondativo della sezione ANPI

0
829

(MeridianaNotizie) Pomezia, 8 marzo 2019 – Viviamo in un momento storico nel quale vediamo crollare i valori fondanti della nostra Repubblica: i valori della lotta di Liberazione dal nazifascismo. Ma questi valori li abbiamo coltivati davvero negli anni passati? L’odio sta crescendo e trova spazio nei vuoti che sono stati lasciati. L’Italia ci mostra un volto fatto di misoginia, omolesbobitransfobia, razzismo, paura del diverso. Oggi la Resistenza appare come un fatto superato, per questo è necessario far emergere e praticare quei principi fondamentali contenuti nella nostra Costituzione, tra i quali la persona umana, il lavoro, la dignità, la libertà, l’uguaglianza, la democrazia, la solidarietà, la partecipazione, il diritto d’asilo e la pace. La Resistenza deve essere viva nelle nostre menti, deve essere una memoria collettiva. In una società ora frammentata, è nostro compito trovare degli obiettivi comuni, così come ci hanno insegnato le Madri e i Padri Costituenti, pur nella diversità delle opinioni politiche, valorizzando il divieto di discriminazione espresso nell’Art. 3 della nostra Carta Costituzionale.

Domenica 10 marzo 2019 alle ore 10:00 presso l’Hotel Principe, in via dei Castelli Romani 14/A, avrà luogo il Congresso Fondativo della sezione ANPI Pomezia – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Sono invitate a partecipare tutte le persone e le associazioni che si riconoscano nei valori dell’antifascismo, per costruire insieme una città che pratichi quotidianamente questi valori. Partiamo a 73 anni dal giorno in cui le donne italiane votarono per la prima volta. Era il 10 marzo 1946, data storica delle prime elezioni amministrative dopo la caduta del fascismo.