S.S. Lazio, società al lavoro per sbrogliare il nodo dei rinnovi contrattuali

0
414
Foto: S.S. Lazio

(MeridianaNotizie) Roma, 23 marzo 2019 – La Lazio, in questo periodo, sta lavorando per trovare diverse soluzioni per sbrogliare il nodo dei rinnovi contrattuali, tra cui anche molti pilastri fondamentali della squadra di Inzaghi. Se per quanto riguarda i big della rosa non c’è da preoccuparsi, in quanto i contratti scadranno solamente tra il 2022 e il 2023, per gli altri biancocelesti, tra cui l’ultimo acquisto Romulo, bisognerà trovare una soluzione. Il centrocampista ex Genoa è arrivato a Roma nello scorso mercato di gennaio, con un prestito con diritto di riscatto. La Lazio dovrà decidere se riscattarlo e che tipo di contratto gli offrirà. Dusan Basta, arrivato nel 2014, è dato per sicuro partente, mentre il giovane lusitano Bruno Jordao sta trattando il rinnovo da molto tempo. Per quanto riguarda il belga Jordan Lukaku, l’accordo è vicino ad una soluzione, con un rinnovo fino al 2020, anno in cui scade anche il contratto del metronomo delle Aquile Lucas Leiva, ma anche in questo caso si è vicini ad una soluzione, ossia un rinnovo fino al 2022. Il 2020 è anche l’anno delle scadenze di Cataldi e dei due senatori Lulic e Parolo, su cui Lotito vuole fare affidamento anche in futuro. Radu ha firmato il rinnovo fino al 2021, anno in cui deciderà se smettere col calcio giocato (in quel caso arriverà un ulteriore rinnovo) oppure intraprendere la carriera da dirigente, ruolo che la Lazio vorrebbe offrirgli.

In conclusione, la situazione generale concernente i contratti non è grave in casa Lazio. I punti di forza della prima squadra della capitale, Acerbi, Milinkovic, Correa e Immobile hanno firmato rinnovi fino al 2023, anche se, nel caso del serbo Milinkovic, c’è sempre l’ombra del calciomercato che potrebbe stravolgere i piani.

Matteo Ferrera