Roma, Aurelio: Eseguito un provvedimento di cessazione di attività abusiva, emesso dal Questore

767

(MeridianaNotizie) Roma, 7 aprile 2019 – Nel quadro di un serrato piano di contrasto all’abusivismo nel settore delle attività ricettive che la Polizia di Stato sta attuando, ricorrendo ad un sistema di verifiche incrociate tra annunci pubblicitari, banche dati di comune e regione delle strutture autorizzate e compiendo un’attività mirata e concentrata sul rispetto della normativa in materia da parte non solo di hotels, ma anche di di B&B, case-vacanza, affittacamere e altre tipologie che complessivamente nella capitale risultano essere più di dodicimila, ieri è stata data esecuzione al provvedimento di cessazione dell’attività abusiva,  emesso dal Questore di Roma Carmine Esposito,  a carico di un albergo in zona Aurelio.

Il provvedimento è scaturito dagli accertamenti svolti dagli agenti della Polizia di Stato presso la citata struttura, nel corso dei quali è emerso che nello stabile veniva svolta un’attività ricettiva, pubblicizzata su diversi siti internet quale albergo ma rivelatasi in realtà priva di qualsivoglia autorizzazione. Lo stabile, che ha 51 stanze per un totale di 62 posti letto,  è di proprietà del Vaticano ed era stato dato in gestione ad una cooperativa che avrebbe dovuto amministrarlo  come “CASA PER FERIE”, cioè senza scopo di lucro.

Al momento del controllo invece, al suo interno erano presenti una scolaresca francese ed alcuni cittadini albanesi, tutti “ospitati” in nero e senza che nessuna comunicazione fosse stata data all’autorità di  pubblica sicurezza, come previsto dalle leggi. Gli agenti  della  Divisione Polizia Amministrativa e Sociale hanno appurato che il gestore non aveva neanche richiesto alla Questura di essere abilitato ad inserire i propri ospiti presso il portale “Alloggiati Web”.

Inoltre è stata constatata la presenza di 6 lavoratori non in regola con le normativa vigente e precisamente 1 addetto alla reception e 5 addetti alle pulizie per i quali è stata fatta segnalazione all’Ispettorato del Lavoro.

Il  gestore è stato denunciato per il reato di peculato poiché è risultato, da documentazione acquisita durante il controllo, che prelevava dai clienti la tassa di soggiorno senza poi riversarla nelle casse del Comune di Roma. A febbraio poi, la Squadra Mobile aveva arrestato uno spacciatore di droga,  di nazionalità albanese, che dimorava in quell’albergo senza che ciò risultasse da nessuna parte.

Articolo precedenteRoma, Rossella Matarazzo primo dirigente della Polizia di Stato neo Vicario della Questura
Articolo successivoFiumicino. La Polizia di Stato denuncia 14 supporters della squadra di calcio del Latina