Ardea, il Sindaco su presunto abuso edilizio: «Se la legge non è stata rispettata, interverrò come mi sarà indicato»

1210

(Meridiana Notizie) Ardea, 4 aprile 2019 – E’ di oggi la notizia pubblicata da Repubblica che il Sindaco di Ardea, Mario Savarese, è indagato per abusi edilizi dalla procura di Velletri. Sotto indagine alcuni lavori realizzati nella sua villetta nel quartiere Nuova Florida.

Secondo quanto riporta il noto quotidiano nazionale, il 10 dicembre scorso è stato presentato un esposto contro il primo cittadino e la moglie, un documento che denuncia alcuni interventi compiuti dalla coppia nella loro abitazione, precisamente in una tettoia e un manufatto nel giardino. A seguito di tale esposto, il procuratore capo di Velletri, Francesco Prete, avrebbe aperto un’indagine nei confronti del  Primo Cittadino.

Le dichiarazioni del Sindaco di Ardea

«E’ giusto che i cittadini vigilino e che pretendano che sia per primo il sindaco a rispettare le leggi – dichiara il Sindaco di Ardea – Questa la mia riflessione nella vicenda, invero assai montata nei fatti, che mi vedono coinvolto in un presunto abuso edilizio realizzato nella mia abitazione. Ho acquistato da un rigoroso e professionale costruttore di zona una piccola villetta su unico livello dotata di un sottotetto/mansarda inabitabile. Chi mi accusa ne sospetta un uso improprio, ma nei fatti la Polizia Locale che è venuta nella mia abitazione per i controlli di rito a seguito di un esposto presentato nei miei confronti, ha potuto verificare che non vi è stato alcun cambio di destinazione d’uso».

«L’esposto – aggiunge Mario Savarese – fa riferimento anche ad un manufatto abusivamente realizzato nel mio giardino. Effettivamente ho costruito una casetta interamente in legno dotata di una tettoia ad unica falda atta al montaggio di pannelli solari, mentre il locale ricavato ospita una caldaia per il riscaldamento e lo stoccaggio dei pellet, nonché gli attrezzi per la cura del giardino».

«Le norme edilizie prevedono la realizzazione di locali tecnici e di manufatti accessori per uso non abitativo – conclude Savarese – I tecnici incaricati dalle autorità stanno verificando se i parametri di legge siano stati completamente rispettati, in caso contrario prontamente interverrò come mi sarà indicato, anche se questo dovesse comportare lo smantellamento totale».

Articolo precedenteFamily Day, Gandolfini: Dopo Verona la famiglia torna nell’agenda politica. Ora passare dalle parole ai fatti anche in Europa
Articolo successivoTV, su Rai Play da domani in esclusiva “Missione Spazio Relodead”