Ardea, Virgili con la minoranza sfiducia il presidente Zito. Ludovici: “Atteggiamento irrispettoso”

0
374

(MeridianaNotizie) Ardea, 18 aprile 2019 – L’ex grillina Roberta Virgili, che da pochi giorni ha lasciato il gruppo del M5S a seguito di  divergenze con la linea del movimento, come dalla stessa dichiarato, dopo aver intrapreso il percorso di Consigliere da indipendente  in Consiglio Comunale, nel corso dell’ultima seduta presso l’aula Sandro Pertini, si è unita alla minoranza, per sfiduciare il Presidente del Consiglio comunale Lucio Zito.

La minoranza, compatta nel sottoscrivere la sfiducia, trova così un’altro alleato nel Consigliere Virgili e quest’ultimo aspetto, potrebbe mettere realmente in discussione, la tenuta della maggioranza pentastellata.

I Consiglieri di opposizione, dopo diverse ore di discussione su un “modus operandi” considerato da quest’ultimi “arrogante” da parte della maggioranza, in particolare riguardo il rispetto, non obbligo, che il Presidente del Consiglio dovrebbe osservare in merito all’Art. 50, Comma 4 del Regolamento del Consiglio Comunale, ha deciso di firmare la sfiducia al Presidente del Consiglio.

“Ho preso la parola in Consiglio Comunale – dichiara Luana Ludovici (Lega) – per manifestare la mia disapprovazione nei confronti della decisione del Presidente del Consiglio, per aver voluto a tutti i costi invertire i punti posti dalla minoranza all’ordine del giorno e che hanno la precedenza su quelli della maggioranza. Ritengo – continua L. Ludovici – che questo sia un atteggiamento irrispettoso, non solo nei confronti dell’opposizione, bensì, nei confronti della cittadinanza che avrebbe potuto ascoltare un dibattito su tematiche che la interessano. A questo punto, visto che non solo noi veniamo ignorati ma, anche i cittadini, mi chiedo – conclude L. Ludovici – : Qual è lo scopo reale per cui la maggioranza, a discapito di quanto descritto nel regolamento del Consiglio Comunale, ha ritenuto di invertire l’ordine cronologico prestabilito dei punti posti all’ordine del giorno?”

Grave, secondo l’opposizione, è stata anche la decisione del Presidente del Consiglio, considerata del tutto personale, di non portare a conoscenza dell’Assise la mozione firmata da tutti i Consiglieri di minoranza, seppur presentata da quest’ultimi nei termini previsti dal regolamento del Consiglio Comunale. Mozione che, a questo punto, dovrebbe venir discussa nel prossimo Consiglio Comunale.

Questa ulteriore faccenda, riguardo gli ultimi fatti accaduti in Consiglio ed in particolare, la sfiducia firmata da tutti i Consiglieri di opposizione e soprattutto, dall’ex grillina Virgili; in aggiunta alle ultime vicissitudini in seno al M5S, potrebbe aprire una falla tra le fila della maggioranza e rendere instabile il governo della Città.

Massimo Catalucci