Ardea, primo caso di chikungunya in via Merano

0
5266

(MeridianaNotizie) Ardea, 29 maggio 2019 – Primo caso di Chikungunya ad Ardea in via merano. La Asl ha comunicato al Comune di Ardea che sul territorio è stata registrata l’infezione di una persona, che ha contratto la febbre virale portata da una puntura della zanzara tigre a sua volta infettata dal virus.

Al fine di evitare ulteriori problematiche, dal Comune è stata emessa una ordinanza urgente al fine di disinfestare tutte le zone che si trovano nei pressi dell’abitazione della persona contagiata.

La chikungunya è una malattia virale, caratterizzata da febbre e forti dolori, che viene trasmessa all’uomo da zanzare infette. Dopo un periodo di incubazione di 3-12 giorni, la chikungunya si manifesta con una sintomatologia simil-influenzale che include febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto importanti artralgie (da cui deriva il nome chikungunya, che in lingua swahili significa “ciò che curva” o “contorce”), tali da limitare molto i movimenti dei pazienti che quindi tendono a rimanere assolutamente immobili e assumere posizioni antalgiche.

Lo scorso anno sono stati 252 i casi autoctoni di registrati dal Sistema di Sorveglianza delle Malattie Infettive della Regione Lazio. Di questi 197 casi erano residenti ad Anzio. Dei restanti 55 casi 50 erano residenti a Roma e 5 a Latina, oltre a casi isolati ad Aprilia, Ardea e Grottaferrata.