Roma, in trasferta nella capitale, aveva appena commesso una rapina in zona Prati di un Rolex dal valore di 40.000 euro

0
414

(MeridianaNotizie) Roma, 27 maggio 2019 – E’ stato fermato dagli Agenti della Squadra Mobile ieri pomeriggio in zona Magliana un rapinatore di orologi di pregio, che mezz’ora prima aveva rubato un Rolex in oro a Prati. L’uomo, di origine partenopee, già conosciuto dagli agenti della Polizia di Stato per essere stato arrestato cinque anni fa per analoghi fatti, è stato braccato mentre tentava di guadagnare la fuga prendendo la Metro alla Magliana, al termine di un rocambolesco inseguimento scaturito dalla rapina compiuta poco prima nei pressi di Piazza Mazzini. In particolare gli operatori della sezione “Rapine”, che svolgono specifiche indagini volte ad identificare i soggetti di origine campana che periodicamente si recano a Roma per “colpire” i possessori di orologi di marca Rolex e di elevato valore, dopo aver svolto un’accurata attività di indagine, effettuando servizi in strada con pattuglie a bordo di autovetture e moto disposte nelle zone maggiormente “battute” dai gruppi criminali napoletani, hanno individuato una banda di rapinatori provenienti dai Quartieri Spagnoli di Napoli. Al termine delle rapidissime investigazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma – Gruppo reati contro il patrimonio, ieri pomeriggio è stato fermato S.G. di 45 anni che, in concorso con un complice in corso di identificazione, nel pomeriggio di ieri ha rapinato un cittadino romano di un Rolex in oro dal valore di oltre 40.000,00 euro, al termine di una brutale colluttazione. Attraverso una complessa attività investigativa con ricognizioni fotografiche da parte della vittima e analisi tecniche, è stato possibile ricostruire l’esatta dinamica della rapina avvenuta a Roma Prati, ad appena 30 minuti di distanza. I rapinatori, giunti in trasferta a Roma, per portare a termine il “colpo” avevano dapprima pedinato a bordo di uno scooter l’autovettura condotta dalla vittima sin dal Lungotevere de’ Cenci nei pressi della Sinagoga in direzione Prati, per poi attendere che l’uomo, dopo aver fatto la spesa al supermercato, salisse nuovamente a bordo della propria autovettura. Nella circostanza, mentre uno dei due rapinatori attendeva in sella al motociclo, il complice aggrediva ferocemente la vittima aprendo improvvisamente la portiera lato guida dell’autovettura e, dopo essere entrato con parte del corpo all’interno dell’abitacolo, afferrava con decisione il braccio sinistro strappando con violenza dal polso l’orologio di pregio. Una volta assicuratosi il prezioso, il malvivente saltava in sella allo scooter dove ad attenderlo vi era il complice alla guida, unitamente al quale si allontanavano dal luogo a forte velocità. Gli operatori della Squadra Mobile, che stavano monitorando la zona già colpita di recente da episodi del genere, individuavano gli autori della rapina e, al termine di un concitato inseguimento, riuscivano a braccare un malvivente che, giunto ormai nei pressi della fermata della metro della Magliana, aveva abbandonato lo scooter prima di disfarsi dell’orologio. L’arrestato, residente nei Quartieri Spagnoli del capoluogo partenopeo con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio ed in particolare proprio per rapine di orologi, è stato associato alla Casa Circondariale di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso ulteriori indagini volte all’individuazione dei complici dell’arrestato e all’identificazione degli autori di altri episodi di rapina avvenute recentemente nella Capitale con le medesime modalità.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)