Roma, non si fermano all’alt e fuggono provocando due incidenti stradali

0
737

(MeridianaNotizie) Roma, 5 maggio 2019 – E’ accaduto ieri pomeriggio quando, in via Bartolomeo Cavaceppi, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Spinaceto, hanno notato un’ autovettura con all’interno 3 persone che, alla vista della Volante, si è data alla fuga. Nonostante i sistemi acustici e luminosi attivati dai poliziotti, l’uomo alla guida del veicolo non si è fermato e ha continuato la sua folle corsa in direzione di Via del Mare. Durante l’inseguimento, in più occasioni, il mezzo in fuga ha effettuato delle manovre pericolose, mettendo a repentaglio l’incolumità degli altri utenti della strada.

Dopo circa 10 km. l’auto, dopo aver provocato due incidenti stradali, fortunatamente senza feriti, si è fermata e i 3 soggetti a bordo, vistisi ormai braccati, hanno abbandonato il veicolo fuggendo a piedi sul Grande Raccordo Anulare – Corsia esterna altezza uscita Pontina.

È in questo momento che è iniziato l’inseguimento senza tregua dei fuggitivi, da parte dei poliziotti del Commissariato e del Reparto Volanti, nonostante la situazione di pericolo dovuta alla presenza di autovetture in transito sulla carreggiata, ad elevata velocità. All’esito della corsa due di questi sono stati raggiunti e, malgrado il tentativo di aggredire i poliziotti con calci e spinte, sono stati bloccati.

Identificati per S.E. di 25 anni e B.F. di 28 anni, entrambi con precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio, il primo, inoltre, destinatario dell’obbligo di firma.

All’interno del veicolo sono stati rivenuti numerosi oggetti di manovalanza edile ed una centralina elettronica utilizzata per la manomissione dei sistemi elettrici della auto di grossa cilindrata.

Accompagnati presso gli uffici di Polizia, sono stati arrestati per resistenza a Pubblico Ufficiale e attentato alla sicurezza dei trasporti, nonché denunciati per il porto abusivo di chiavi alterate e grimaldelli.  Il B.F., è stato denunciato anche per guida senza patente.

Proseguono le indagini per rintracciare il terzo complice.