A Palazzo Valentini la mostra “Dentro e fuori – Lo spazio dell’immagine”

0
457

(MeridianaNotizie) Roma, 17 maggio 2019 – Il giovane Architetto-Artista Enrico Filippi torna con una sua mostra personale ad esporre a Roma, presso Palazzo Valentini, prestigiosa sede della città metropolitana di Roma Capitale. Enrico Filippi, con questa nuova mostra, prosegue nella ricerca di una sua identità creativa, analizzando il contesto socioculturale, ed in particolare le tendenze dell’architettura e della scultura contemporanea. L’opera che espone si pone in continuità con gli altri sui lavori di installazioni scultoree che ha prodotto negli anni scorsi. Il suo è un lavoro di ricerca a tutto tondo. arte, architettura e contesto sociale si legano in un unicum creativo volto a definire gli spazi della realtà come naturali percorsi dell’uomo. In esse ricerca l’essenza della natura delle cose e dell’uomo e vi traspone i sentimenti che l’anima genera nel compiersi delle attività quotidiane. E’ un lavoro intriso di manualità, creatività ed elaborazione del pensiero critico. L’obiettivo delle sue opere è quello di mettere al centro della realtà il desiderio di vita dell’uomo, espresso attraverso la volontà dei gesti e dell’azione. La sua ricerca creativa vuole “portare allo scoperto” quello che l’apparenza dei fatti classifica come “Dentro e Fuori”. Il suo lavoro è volto a svelare ciò che pur presente nella realtà si cela dietro le apparenze e per farlo considera il messaggio artistico come uno strumento di provocazione, capace di far soffermare gli altri a riflettere, a scavare oltre l’ovvio che nasconde le realtà più profonde. Il percorso di questo giovane artista è contrassegnato dalla costante ricerca della tematica “Dentro/Fuori”, “Esterno/Interno”, sviluppata anche nei suoi elaborati di architettura. Il tema, peraltro, è stato già affrontato in passato da grandi dell’arte e della cultura come Kandisky e Montale, entrambi grandissimi esploratori della dualità della realtà che appare. Al fianco del lavoro artistico, Enrico Filippi, ormai da diverso tempo, ha affiancato quello dell’architettura grazie a preziose esperienze maturate nella collaborazione con studi di architettura italiani e stranieri. In tale ambito, la sua ricerca si pone come elemento di sfida per il futuro: considerare l’architettura un campo intimamente connesso con l’arte e il pensiero. Su tale scia, ritiene fondamentale lo studio e il recupero delle grandi tradizioni delle “botteghe rinascimentali”.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)