Civitavecchia, Giannino (FDI): ” Ci battiamo per far tornare grande la nostra Civitavecchia”.

0
600

Nello speciale “Elezioni Comunali” di Meridiana Notizie  incontriamo Mirko Giannino 44 anni operaio, sposato, con una figlia Maya e un passato di militanza politica in Forza Nuova. Da Due anni, al termine di una lunga ed approfondita riflessione ha deciso di aderire a Fratelli d’Italia  per cercare di contribuire al cambiamento senza rinnegare i propri valori.

Negli ultimi due anni Mirko Giannino si è impegnato in particolare sul fronte del lavoro, della tutela dell’ambiente e della solidarietà sociale aderendo al sindacato F.I.A.D.E.L. Settore Igiene Ambientale e divenendo in breve tempo responsabile territoriale in ambito comunale. In tale veste unitamente a UGL USB  ha denunciato più volte la mancata applicazione dell’accordo del 19.05.2017 da parte sia della Società Municipalizzata che dell’Amministrazione 5 stelle.

Quando hai deciso di candidarti?

“Ho deciso di mettersi in gioco e candidarmi per poter essere promotore del  rilancio di una città disastrata, quale è Civitavecchia, dove l’inquinamento la povertà, l’emarginazione, il disagio sociale di larga parte del territorio e della popolazione la fanno da padrone”.

Su quali settori intenderai confrontarti per migliorare la situazione?

“Mi impegnerò per il rilancio della zona industriale in sinergia con il porto; per una gestione e organizzazione dei servizi della municipalizzata improntata all’efficienza ed all’economicità, favorendo l’assunzione di nuovi lavoratori reclutati su base esclusivamente meritocratica, per l’ottimizzazione della raccolta differenziata finalizzata al recupero ed alla trasformazione dei rifiuti solidi urbani in materie prime utile a generare nuove entrate che vadano a ridurre la TARI arrivata a dei livelli insopportabili (economia circolare), per la prevenzione e repressione dell’abusivismo commerciale dell’accattonaggio molesto, dei vandalismi e del maltrattamento degli animali, per la tutela del decoro urbano, definizione e adeguamento alle esigenze della Città delle aree di sosta e di carico e scarico, riorganizzare il Corpo di Polizia Locale”.

Quali sono le sue priorità?

“Chiederò  al Sindaco di intraprendere azioni concrete per il miglioramento della qualità dell’aria attraverso la fornitura di energia pulita alle navi in ormeggio nel porto mediante la realizzazione di un impianto di gassificazione (progetto nazionale per il quale il MEF ha da pochi giorni stanziato la somma di € 250.000.000 in cinque anni senza però aver individuato i porti destinatari degli interventi), per l’apertura di una trattativa con l’ENEL  e TIRRENO POWER per il ristoro, a favore del Comune, dei danni cagionati alla popolazione di Civitavecchia dall’impatto ambientale, recuperare e bonificare le  aree verdi pubbliche e private all’interno della città, per favorire la nascita di orti sociali e di cooperative agricole formate da giovani parziale riconversione delle attività di pesca d’altura attraverso l’avvio di attività di itticoltura e mitilicoltura in modo da favorire il ripopolamento nel nostro mare delle specie ittiche, per la riqualificazione della marina con creazione di nuovi stabilimenti balneari, per la costruzione e completamento del nuovo complesso alberghiero termale, per la riorganizzazione dei servizi sociali per l’accesso a servizi importanti quali casa, scuola, educazione, sanità (svincolata dalle attuali logiche di potere regionale) e sostentamento alle famiglie italiane in condizione di povertà”.

AV