Saggistica, sabato a Roma con Luigi Di Gregorio si parla di Demopatia

0
466
(MeridianaNotizie) Roma, 11 luglio 2019 -Demopatìa, come la democrazia si è ammalata. E come curarla.Cosa è successo alle nostre democrazie? Perché vivono una crisi di legittimità e di performance proprio quando sembravano indiscutibilmente vincenti? La democrazia si è ammalata perché il demos si è ammalato. In una parola Demopatìa ( sintomi, diagnosi e terapia del malessere democratico ) saggio di Luigi Di Gregorio politologo, docente di Comunicazione Pubblica, Politica e Sfera Digitale e di Web e Social, edito da Rubbettino, che sarà presentato a Roma sabato 13 giugno alle ore 19.30 presso la Libreria in Itinere (Lungotevere a Ripa). 
Intervistato da Sofia Ventura, l’autore spiegherà come, contagiati da un eccesso di consumismo e narcisismo, viviamo ormai solo di istinti e istanti e come, analizzando sintomi diffusi in tutto l’Occidente, la demopatìa abbia colpito la democrazia e, prima ancora, il demos affetto da una sorta di patologia autoimmune e degenerativa. Il malessere democratico è il derivato della lunga transizione alla postmodernità: individualizzazione, perdita di senso sociale, crisi del sapere, delle istituzioni e delle autorità cognitive. E’ il trionfo della sindrome consumistica e della logica totalizzante dell'”usa e getta” che ormai si applica in ogni ambito esistenziale. I grandi motori di questo cambiamento sono i mass media e le innovazioni tecnologiche che hanno accelerato la transizione postmoderna incrementando le logiche della società dei consumi. La democrazia che ne deriva, mediatizzata e psicologica, sembra una sondocrazia permanente, i cui leader assumono le caratteristiche dei follower (inseguitori dell’opinione pubblica) e in cui l’opinione si fa emozione pubblica, tanto è diventata volatile e volubile in una dinamica istantanea. E la cura? C’è una sola strada percorribile: fare i conti con noi stessi. Ripartire dal demos