Anzio, presentato il libro “La Grande Guerra degli italiani in Francia” di Matteo Ferrera

1
426

(MeridianaNotizie) Anzio, 20 agosto 2019 – E’ stato presentato sabato 17 agosto a Lavinio (Anzio), nella cornice della Libreria Magna Charta di Stefano Ricci, il libro di Matteo Ferrera dal titolo “La Grande Guerra degli italiani in Francia”, edito dalla casa editrice Kimerik. Matteo Ferrera, 28 anni, è residente ad Aprilia ed è laureato in Storia medievale, moderna e contemporanea e in Scienze Storiche, entrambe conseguite all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente svolge la professione di impiegato.

L’evento ha riscosso un ottimo successo. La conferenza di presentazione è durata circa due ore, accompagnata dai pregevoli interventi musicali di Maria Ausilia D’Antona, Gabriele Falcone e Sergio Trojse, e dal reading di alcune lettere dal fronte a cura dei talentuosi attori Lorenzo Brilli, Chiara Pierimarchi e Ilaria Tufo. Hanno condotto l’evento con grande professionalità Michelangelo Pastore, attore, regista teatrale e presidente dell’Associazione Leonardo e Maurizio D’Eramo, scrittore teatrale e direttore di AnzioSpace.
Durante la presentazione sono stati messi in risalto i contesti ideologici, politici e strategici che, in momenti diversi della Prima guerra mondiale, giustificarono la presenza militare dell’Italia in terra di Francia. Pagine di storia di un secolo fa, quelle della presenza di un corpo di volontari garibaldini sul fronte occidentale nel 1914, di truppe di manodopera militare (le Truppe Ausiliarie Italiane in Francia, abbreviate in T.A.I.F.) inviate in Francia nell’ultimo anno di guerra e di un Corpo d’Armata (il II, ai comandi del generale Albricci) impegnato sul fronte occidentale negli ultimi sei mesi della Grande Guerra. Pagine di storia della Prima guerra mondiale che, secondo Ferrera, meritano di essere riscoperte.

Il saggio storico “La Grande Guerra degli italiani in Francia” di Matteo Ferrera è disponibile in tutte le librerie ed è acquistabile on-line su Amazon, Ibs, Mondadori e Feltrinelli.

1 commento

Comments are closed.