Incendio Tor San Lorenzo, le dichiarazioni del Sindaco: «Chiesto incontro con il Prefetto»

0
1944

Un grosso incendio è scoppiato a Tor San Lorenzo, nel comune di Ardea. Le fiamme sono scoppiate in un campo intorno alle 16:15 coinvolgendo e distruggendo un capannone di 500 metri quadrati adibito a stoccaggio di abbigliamento e accessori. Sul posto i carabinieri, polizia locale, sanitari del 118 e quattro squadre di vigili del fuoco del comando di Roma con supporto di autobotti e autoscala. Intervento in corso, non risultano feriti ma rallentamenti sulle strade adiacenti. In supporto fin da subito la Protezione civile Airone, poi Alfa e Nettuno.

Le dichiarazioni del Sindaco di Ardea

«Un incendio ha devastato e completamente distrutto i capannoni delle attività commerciali antistanti Termoidraulica Corsi in Viale San Lorenzo – commenta il Sindaco di Ardea, Mario Savarese – Le fiamme, quasi certamente, ma siamo in attesa delle necessarie perizie, si sono sviluppate dai campi retrostanti che si trovano tra il fosso e Via delle Mente».

«Mentre scrivo ancora arrivano mezzi dei Vigili del Fuoco – conclude il Sindaco – perché le dimensioni dell’incendio sono tali da aver esaurito l’acqua. Fortunatamente non ci sono stati feriti. Tutti sono stati celermente evacuati dai locali che ancora bruciano. Sul posto per ogni evenienza è presente un’ambulanza, la nostra Polizia Locale e la Protezione Civile del gruppo Airone».

Il Primo Cittadino commenta anche l’incendio che ha colpito Tor San Lorenzo questa mattina in via dei Colli Marini. 

«Un indecoroso spettacolo che ormai Vigili del Fuoco e Protezione Civile del nostro comune ben hanno imparato a conoscere – commenta il Sindaco di Ardea, Mario Savarese – A volte occorrono ore e ore di pericoloso lavoro per spegnere incendi che ormai quotidianamente assillano il nostro territorio».

«I luoghi più colpiti sono quelli dove regna il degrado più alto – aggiunge il Primo Cittadino – sempre si tratta di incendi dolosi. Ad appiccarli personaggi tecnicamente chiamati “ignoti”  Questa forma di degrado sociale la vogliamo combattere con fermezza».

«Ho chiesto di essere ascoltato dal prefetto di Roma, dottoressa Gerarda Pantalone – conclude Savarese – Sono in attesa di poterle rappresentare la nostra richiesta di aiuto perché nulla possono contro tutto questo le poche forze di Polizia Locale che lo Stato e il Ministero da cui il Prefetto stesso dipende, ci consentono di tenere in organico. Non si può controllare una città di oltre cinquantamila abitanti, critica come la nostra, con appena due dozzine di addetti all’ordine pubblico».