CFR Cluj-Lazio, biancocelesti in Romania per la prima gara di Europa League

0
384

(MeridianaNotizie) Cluj-Napoca, 19 settembre 2019 – La Lazio questa sera, nella città rumena di Cluj-Napoca, affronterà la squadra locale del “Fotbal Club CFR 1907 Cluj”, nella prima gara di andata della fase a gironi del torneo di Europa League.

La gara si disputerà nello stadio Constantin Rădulescu e il calcio d’inizio è programmato per le ore 18.55. Cluj-Lazio sarà trasmessa in tv solo da Sky, che possiede i diritti di tutta l’Europa League, sui canali Sky Sport Uno e Sky Sport (252 del satellite). Per la prima giornata soltanto Roma-Istanbul Basaksehir sarà visibile in chiaro su TV8. Per seguire inoltre la diretta streaming di Cluj-Lazio sarà necessario possedere un abbonamento Sky per scaricare l’app di Sky Go disponibile su pc, tablet e smartphone.

Inzaghi ha deciso di lasciare a casa Immobile, Luis Alberto e Radu, anche perché, come dichiarato dal Mister, questa sera sarebbero andati in tribuna in quanto devono smaltire degli affaticamenti. Bastos giocherà alla destra di Acerbi e alla sua sinistra, per completare la linea difensiva, verrà schierato, molto probabilmente, Vavro. Le altre novità le troviamo a centrocampo, dove interno di sinistra parte titolare per la prima volta Berisha che ha ben fatto con la sua Nazionale segnando una doppietta ed esterno, anch’esso alla prima da titolare, vedremo muoversi il giovane Jony. Caicedo e Carerra, completeranno la linea di attacco Laziale. Strakosha è stato scelto ancora una volta al posto di Proto, evidentemente, il tecnico biancoceleste, ha più garanzie dal portiere che è solito far giocare titolare.

Petrescu – Ho visto la partita chiaramente. La Lazio meritava di più contro la SPAL. Nel primo tempo poteva fare 3-4 gol. Faceva molto caldo, alla fine sono calati fisicamente. Ci sono tanti giocatori di una certa età e diventa difficile giocare a quei ritmi. Con la Roma meritava di vincere, ha preso cinque pali. Con la Sampdoria ha vinto senza problemi. Con più attenzione avrebbero fatto 9 punti. Grande squadra con un allenatore che conosce tutto di quel mondo. Difficile che la Lazio perda due partite di fila, per questo sono preoccupato.

Tutte le squadre hanno punti deboli, anche il Barcellona, non solo la Lazio. Non c’è una tattica per arginare la Lazio, la strategia migliore è quella di affrontare partita dopo partita. Domani viene la Lazio. Non ci sono statistiche? Quindi è semplice, dobbiamo vincere. Ci sono stati dei preliminari, e a partire dall’anno scorso saranno anche di più. Siamo comunque in un bel girone, dove ci sono squadre famose come Celtic e Lazio. Questo è molto stimolante. Ci sono ancora dei problemi con gli infortuni di Rondon e Vinicius. Ci sono state tante partite e dopo la pausa abbiamo fatto bene contro il Voluntari. Vedremo. Boly laterale? Solo nel caso in cui gli altri quattro non fossero pronti. La formazione sarà schierata in funzione della Lazio e della partita che mi si presenta davanti.”

S. Inzaghi – Conferenza stampa di ieri di Mister Inzaghi. “Abbiamo analizzato cosa è successo contro la Spal, ci dobbiamo prendere le nostre responsabilità. Abbiamo buttato tre punti, sbagliando solo 25 minuti. In 270 minuti non è parecchio, vedendo che anche le altre come Napoli, Juventus e Inter hanno sbagliato, e loro sono di altra categoria. Non deve succedere più comunque. Ho alcuni dubbi di formazione che domani scioglierò, sono rimasti a casa Immobile, Luis Alberto e Radu. In porta giocherà Strakosha ma ho tanta fiducia in Proto e Guerrieri. Non mi piace la definizione di portiere di campionato e di coppa.

Proto è affidabile e in futuro giocherà, però domani tocca a Strakosha. Radu, Immobile e Luis Alberto devono stare a Formello per allenarsi in maniera un po’ differente e così essere a disposizione contro il Parma. Dopo la sconfitta di Ferrara c’è voglia di rivalsa. La squadra si è allenata bene e ha analizzato ciò che è successo. Ci lecchiamo le ferite e lavoriamo con lucidità. La classifica per quello che si è visto in campo doveva essere diversa per come ha interpretato le partite la Lazio. Dobbiamo lavorare molto intensamente. E’ un girone tosto, con Celtic e Cluj che si erano giocato i preliminari di Champions e col Rennes che ha comunque battuto il Psg in Francia. Domani sarà una partita complicata, ci saranno molti duelli fisici, Petrescu è un allenatore bravo.

Domani giocherà Bastos che è qua accanto a me, per il resto ho ancora tanti dubbi. Gli ultimi venticinque minuti di Ferrara dovevano essere giocati in un altro modo, lo scorso anno avremmo firmato di vincere la Coppa Italia ma si continua a pensare all’ottavo posto del campionato. E’ tre anni che giochiamo in Europa, si sta facendo un gran lavoro grazie a società e calciatori, ma ora alziamo l’asticella per non far ripetere più quanto accaduto nel finale con la Spal. Radu? Posso solo parlare bene di lui. Sono stato suo compagno, poi lo sto allenando ed è un gran giocatore e serio professionista. Domani voleva giocare a tutti i costi, ma io devo pensare al bene suo e della squadra e così vediamo se potrà giocare al ritorno magari. Il Cluj è una squadra fisica con ottimi giocatori, a me è piaciuto molto Omrani che sarà per noi l’osservato speciale.”

Massimo Catalucci