Roma, servizio trasporto persone con disabilità, si aggiungono due operatori

0
196

(MeridianaNotizie) Roma, 18 ottobre 2019 – “Incontro aperto e costruttivo” – così una nota del Campidoglio – quello tenutosi all’Assessorato alla Città in Movimento sul servizio di trasporto individuale per le persone con disabilità. Due delle cooperative che gestivano il servizio fino allo scorso mese di settembre, Pronto Taxi 6645 e Radio Taxi Ostia Lido, hanno aderito immediatamente alla proposta di Roma Capitale per far tornare il servizio stesso a pieno regime. Si aggiungono così al nuovo vettore già abilitato.

È stato individuato un periodo transitorio, durante il quale le cooperative aderenti potranno adeguarsi al nuovo sistema di tracciabilità di Roma Capitale e contribuire a migliorarlo. Fino al 31 gennaio 2020 i precedenti vettori del servizio potranno usare il loro sistema di tracciabilità. Nel frattempo saranno individuate le migliori modalità per l’utilizzo da parte dei vettori della nuova piattaforma, indispensabile a certificare il servizio reso in base alla normativa vigente, anche con la possibilità di un’interazione tra sistemi diversi.

“Apprendo con soddisfazione quanto concordato oggi con le cooperative radiotaxi. Un risultato importante per tutti”, dichiara l’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.

“Già in queste ore ci metteremo al lavoro per rendere operativo da subito questo accordo, così da poter consentire nel più breve tempo possibile alle persone di avere finalmente una pluralità di scelta dei vettori”, aggiunge Andrea Venuto, delegato della Sindaca all’Accessibilità Universale. “Grazie alla sottoscrizione delle cooperative che già fornivano il servizio ci saranno molte più vetture a disposizione delle persone con disabilità”.

Dal suo canto il consigliere capitolino Nello Angelucci ha ringraziato “i rappresentanti delle persone con disabilità che  hanno preso parte a questo importante incontro, anche a garanzia della trasparenza dell’intero processo”. Sottolineando come prosegua così “un percorso di collaborazione, partito oltre un anno e mezzo fa, per garantire al meglio il diritto fondamentale alla mobilità individuale”.