Medicina&Salute: Massimo Danese riunisce a Roma il gotha della Flebologia Internazionale da domani al San Giovanni di Roma

0
408

(MeridianaNotizie) Roma, 28 novembre 2019 – Domani a Roma per due giorni consecutivi al Complesso Ospedaliero  San Giovanni – Addolorata,  si apriranno i lavori del XXI Congresso nazionale della SIFCS, Società Italiana di Flebologia Clinica e Sperimentale, tradizionale appuntamento scientifico della nostra grande organizzazione- anticipa ai giornalisti il Presidente in carica Prof. Massimo Danese “che come ogni anno fa il punto sui successi e sulle nuove conquiste raggiunte dalla medicina nel campo della flebologia, non solo un summit di respiro nazionale, ma dal livello del dibattito e la qualità dei relatori un vertice di interesse assolutamente internazionale”.

Il XXI Congresso Nazionale Sifcs si propone di affrontare  le tematiche più complesse e più attuali nel campo della moderna Flebologia quali  le ultime strategie terapeutiche  mininvasive per la insufficienza venosa superficiale ( la Sindrome Varicosa ) ed in particolare oltre al Laser e Radiofrequenza le tecniche con cianoacrilato e quelle ibride con scleromousse,  le problematiche legate alla trombosi venosa profonda e soprattutto nel paziente oncologico nonché le tecniche endovascolari con tromboaspirazione, angioplastiche e stent nel paziente sia acuto che cronico.

Altro capitolo molto importante – dichiara il Prof. Massimo Danese – e’ quello dedicato alla medicina rigenerativa per trattare ed affrontare gli stadi più avanzati della malattia venosa cronica e cioè le lesioni ulcerative, attraverso l’utilizzo di trapianti di cellule staminali autologhe, biomateriali e tecnologie avanzate ( pressione negativa , ultrasuoni ).

Dal programma predisposto dal Prof. Massimo Danese e dal Prof. Camillo Riccioni (Presidente del congresso) nei minimi dettagli si intuisce quanta “carne sul fuoco” gli specialisti della materia avranno davanti, “e soprattutto – aggiunge Massimo Danese- l’interesse sociale che i temi di quest’anno comporteranno sul dibattito scientifico generale sarà molto elevato.

 Insomma, un appuntamento a cui noi medici scienziati e operatori tutti riconosciamo un valore altissimo e un ruolo di assoluta attualità”.