Ostia, 10 arresti: una coppia in manette per tentato furto in un ristorante

0
239

(MeridianaNotizie) Ostia, 16 novembre 2019 – Nelle ultime ore, i Carabinieri del Gruppo di Ostia hanno predisposto numerosi servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e al contrasto dei reati predatori, in particolar modo nei confronti degli esercizi commerciali.

Nella notte, i Carabinieri di Ostia sono intervenuti al locale porto turistico, dove una chiamata giunta al “N.U.E. 112” aveva segnalato alcuni movimenti sospetti.

Giunti sul posto, i militari hanno notato la saracinesca di uno dei ristoranti ubicati sul lungomare danneggiata e parzialmente sollevata. I Carabinieri hanno, quindi, deciso di entrare nel locale dove hanno sorpreso due persone mentre rovistavano in alcuni cassetti. I ladri, un uomo ed una donna già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati per tentato furto; l’uomo, inoltre, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, motivo per cui è stato anche denunciato a piede libero per porto abusivo di strumenti atti ad offendere. La coppia è stata trattenuta in caserma in attesa dell’udienza di convalida.

A Fiumicino, i Carabinieri di Ostia, nel corso di uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio, hanno preso nota del furto di un’auto – avvenuto pochi istanti prima – parcheggiata in via Trincia delle Frasche. I militari. percorrendo via della Scafa, si sono imbattuti nel veicolo ricercato, intimandogli l’alt. Il conducente ha tentato di darsi alla fuga, ingaggiando con gli uomini dell’Arma un inseguimento lungo le strade cittadine, ma non riuscendo a seminare la pattuglia, ha abbandonato l’auto in mezzo alla strada scappando a piedi. I Carabinieri sono riusciti a raggiungerlo e, dopo aver vinto la sua strenua resistenza, ad ammanettarlo. L’uomo – un pregiudicato albanese di 24 anni – arrestato per furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, è stato trattenuto in caserma, in attesa dell’udienza di convalida, mentre l’autovettura è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario.

I Carabinieri di Ostia hanno arrestato un pregiudicato 63enne. L’uomo, detenuto in regime di arresti domiciliari, era stato ammesso a fruire di un permesso per sottoporsi ad una visita medica. Il 63enne è stato fermato al di fuori dell’orario autorizzato mentre si intratteneva in strada in compagnia di altre due persone, note alle forze dell’ordine. Inevitabile l’arresto con l’accusa di evasione.

Al termine di uno specifico servizio antidroga, i Carabinieri di Fiumicino hanno arrestato una coppia di pusher, un 54enne con precedenti e la sua giovane convivente di 22 anni. I militari avevano notato un insolito andirivieni dalla loro abitazione ed hanno deciso di far scattare un controllo: nella casa, sono stati rinvenuti oltre 200 grammi di hashish, vario materiale per il

confezionamento della droga e qualche centinaio di euro, ritenuto provento della loro attività illecita. I pusher sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

In manette per droga sono finiti anche altri 2 uomini, rispettivamente gestore e un dipendente di un ristorante di Acilia. Al termine di un mirato servizio di osservazione svolto dai Carabinieri di Ostia, il dipendente, un 28enne già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato fermato mentre, a bordo della propria autovettura, si stava allontanando dal locale in possesso di 7 grammi di hashish. La perquisizione estesa all’esercizio commerciale, al cui interno è stato trovato il gestore 30enne, anche lui con precedenti, ha portato al sequestro di oltre 20 grammi di cocaina. Non solo: nell’abitazione dell’uomo sono stati sequestrati circa 20 mila euro in denaro contante, presumibile provento dell’attività di spaccio. I due spacciatori sono stati arrestati e trattenuti in caserma in attesa dell’udienza di convalida.

I Carabinieri della Stazione di Acilia hanno individuato e arrestato, su disposizione del Tribunale di Roma, un 55enne. L’uomo, già condannato in via definitiva per reati di natura finanziaria, dovrà scontare, agli arresti domiciliari, la pena residua di 8 mesi di reclusione.

Poco dopo, gli stessi Carabinieri di Acilia hanno arrestato un 47enne romano. L’uomo, già fermato all’inizio del mese di ottobre scorso per spaccio di sostanze stupefacenti, è stato condannato a più di 7 mesi di reclusione, da scontare agli arresti domiciliari. Su disposizione del Tribunale di Roma, i Carabinieri hanno rintracciato il pusher, a cui hanno notificato il provvedimento restrittivo.

A Fiumicino, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per furto aggravato una 22enne con precedenti, domiciliata in un campo nomadi della Capitale. La ragazza era entrata in un negozio del centro commerciale “Parco da Vinci” e, per il suo atteggiamento, ha insospettito il personale di vigilanza presente, che hanno deciso di chiamare i Carabinieri. I militari hanno fermato la donna all’uscita del negozio, accertando che la stessa aveva occultato all’interno di una capiente borsa, opportunamente schermata per impedire la rilevazione dei dispositivi antitaccheggio, oltre 300 euro di merce. La ladra è stata ammanettata e sottoposta agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida, mentre la refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al legittimo proprietario.

Infine, i Carabinieri hanno effettuato numerosi controlli alle attività commerciali presenti nel territorio, in collaborazione con i militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Roma ed il supporto della Polizia Locale di Roma Capitale. Le verifiche hanno consentito di sanzionare il titolare di un pub di Ostia, reo di numerose violazioni in relazione ad irregolarità amministrative ed alla mancata attuazione delle procedure di autocontrollo sugli alimenti. Elevate sanzioni amministrative per oltre 3.000 euro.