Ardea, Neocliti (Misto): “Lo scaricabarile sul problema dei rifiuti tra Raggi e Zingaretti, fa del male solo ai cittadini e ai territori”

490

(Meridiananotizie) Ardea, 25 novembre 2019 –

“L’emergenza rifiuti nella capitale rischia di mettere in ginocchio la provincia di Roma” – Lo dichiara Raffaella Neocliti (Misto), consigliere comunale ad Ardea.

“L’ordinanza di oggi – continua Neocliti – 25 novembre 2019 della Raggi, in qualità di sindaco della Città Metropolitana, per il conferimento di una quantità maggiore di rifiuti presso la discarica di Civitavecchia, a causa della chiusura della discarica di Colleferro, dimostra in primis il fallimento dell’operato dei cinque stelle. In teoria volevano cambiare tutto, ma in questi anni i loro disastri sono davvero eclatanti”.

“In quest’ultimo periodo – prosegue il consigliere -, la sindaca Raggi, insieme al presidente della regione Lazio Zingaretti hanno dato vita ad un continuo scaricabarile sulla questione rifiuti. E ad essere penalizzati, ovviamente, sono i cittadini e i territori. In questi mesi, abbiamo assistito ad un sistematico botta e risposta m5s-pd, per ognuno la responsabilità è dell’altro. Ad oggi nulla è cambiato, anzi le cose sono peggiorate”.

“Questa mancata chiarezza sulle competenze – aggiunge Neocliti -, tipica del sistema Italia, ha portato alla situazione attuale: Roma al collasso e le province del Lazio “pattumiere” dell’immondizia capitolina. E’ chiara ed evidente l’incapacità dei cinque stelle nel gestire tale problema. Come è palese, d’altro canto, l’inerzia e l’immobilismo del presidente Zingaretti, considerato che sono anni che si attende l’approvazione in consiglio regionale del piano rifiuti. Inoltre, come nel caso di Civitavecchia, le decisioni vengono calate dall’alto, con la cittadinanza che continua ad essere penalizzata. La gente paga, e nella capitale peraltro la tariffa è altissima, per un servizio con mille criticità. Come si dice in questi casi: oltre al danno anche la beffa”.

“Il problema dei rifiuti è complesso – puntualizza il consigliere -, andrebbe affrontato in modo sinergico, ascoltando istanze ed esigenze degli enti locali. Invece si preferisce “tirare a campare” senza pianificazione, non prendendo decisioni e affrontando le criticità solo in fase emergenziale, con soluzioni tampone, molto spesso improvvisate, senza la benché minima concertazione. I limiti dell’azione politica grillina sono lampanti: oltre alla incapacità della Raggi, bisogna ricordare anche l’inconsistente azione politica di altre giunte comunali a guida 5 stelle, su tutte Ardea, con una amministrazione distante dalla realtà, che si limita a scaricare le colpe su chi c’era prima. Dimenticandosi, però, che sono stati eletti per governare e dare risposte”.

“Invece la assenza di idee – conclude Neocliti -, la paura di prendere decisioni, sta fermando la nostra città. Le belle parole sotto campagna elettorale si sono scontrate con la loro inadeguatezza nel risolvere i problemi. Che delusione! Annunciata!

-articolo di Massimo Catalucci

Articolo precedenteSassuolo-Lazio 1-2, il “ruggito” della pantera biancoceleste
Articolo successivoACQUA POTABILE DALL’ARIA: UNO SVILUPPO POSSIBILE PER IL SUD DEL MONDO