Golden Foot 2019 per il Giornalismo sportivo: “A Maurizio Pizzuto, premio alla carriera e alla comunicazione”

0
282

(MeridianaNotizie) Roma, 15 novembre 2019 – “Dedico questo premio che voi avete assegnato oggi alla mia carriera personali ai colleghi che prima di me mi hanno preceduto su questo prestigioso parterre di Montecarlo, parlo di Candido Cannavò, storico direttore della Gazzetta dello Sport, e di Aldo Biscardi, padre della TV sportiva e maestro di gran parte di noi cronisti più giovani. Dedicando a loro questo premio, il pensiero però va anche ai tantissimi cronisti sportivi che in Italia con il proprio lavoro e la propria passione contribuiscono a tenere alto il nome dello sport italiano nel mondo. Io sono come loro, vengo da una lunga gavetta come cronista sportivo, e so quanto duro possa anche essere questo loro mestiere”.Il Golden Foot 2019, ha ancora una volta ha emozionato la grande platea di Montecarlo  che per l’occasione è tornata ad interessarsi del mondo della comunicazione e del giornalismo,  prima del vincitore assoluto dell’edizione di quest’anno, Luka Modric, Pallone d’Oro 2018, è  salito sul palco il giornalista Maurizio Pizzuto,  oggi responsabile comunicazione dei Musei del Ministero dei Beni culturali, ma soprattutto lui stesso grande appassionato di sport  dopo un esordio brillantissimo al Corriere dello Sport di tanti anni fa per poi cimentarsi in molte altre esperienze nel mondo del calcio.“Sono fiero di ricevere questo prestigioso riconoscimento- aggiunge Maurizio Pizzuto– perché premia la mia costanza e la mia grande passione sportiva. I grandi amori della mia vita sono stati il giornalismo e lo sport, ma forse lo sport prima ancora del giornalismo”.

Dopo aver dedicato il suo premio Al mondo del giornalismo sportivo Maurizio Pizzuto ha ringraziato pubblicamente il patron della manifestazione, Antonio Caliendo, creatore del premio, che ogni  anno a Montecarlo vuole premiare quattro leggende calcistiche dell’anno selezionate a tutti i media internazionali accreditati.

Ogni anno dal 2003 il World Champions Club organizza questo evento rilevante sotto l’Alto Patronato dell’HSH Prince Albert II di Monaco quest’anno degnamente rappresentato dal suo giovane nipote, Louis Ducruet.

 “Ad Antonio Caliendo– ripete Maurizio Pizzuto, tra gli applausi scroscianti che lo hanno accolto sul podio- va la mia riconoscenza e quella del mondo che rappresento, che è in parte il mondo della comunicazione istituzionale, ma in parte è anche il mondo di centinaia di giovani giornalisti sportivi che ogni giorno lavorano per assicurare il meglio delle storie sportive dai campi di tutto il mondo”.