Vicenza, da sabato 18 a lunedì 20 gennaio prende vita «VO VINTAGE»

499

Sarà un appuntamento da non perdere quello di «VicenzaOro January 2020», in calendario dal 17 al 22 gennaio 2020 nella città vicentina, distretto manifatturiero tra i più importanti in Italia per la lavorazione dell’oro, ma è anche una delle città d’arte più suggestive del nord Italia. Conosciuta come «la città del Palladio», Vicenza è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco proprio in virtù della ricchezza artistica ed architettonica eccezionale.

Durante l’evento «VicenzaOro January 2020», nel quartiere fieristico, da sabato 18 a lunedì 20 gennaio, prenderà vita VO Vintage nel foyer del primo piano, in un contesto esclusivo e riservato, un format esclusivo interamente dedicato al segmento del collezionismo con pezzi unici e rarità tra le più ricercate del mondo dell’orologeria e della gioielleria d’epoca.

Italian Exhibition Group lancia «VO VINTAGE» interamente dedicato al segmento del collezionismo con pezzi unici e rarità tra le più ricercate del mondo dell’orologeria e della gioielleria d’epoca, consolidando il proprio ruolo di hub d’innovazione per l’intera filiera offrendo una panoramica completa sulle novità che possono implementare qualitativamente la produzione e la lavorazione dei gioielli per un mercato sempre più internazionale ed eterogeneo.

Qui i più grandi orologiai ed esperti del collezionismo internazionale si ritroveranno in un’inedito calendario espositivo animato dagli esperti più apprezzati e noti del panorama internazionale.

A dare il via ufficialmente, sabato 18 alle ore 11, il talk show inaugurale «Tra passione e investimento. Il senso del mercato orologiero moderno» che vedrà la partecipazione di esperti sia dell’orologio vintage che di quello contemporaneo che condivideranno le loro visioni e prospettive in un approfondimento di altissimo interesse per tutti gli appassionati.

Una kermesse di livello internazionale  dove operatori del settore e appassionati collezionisti postranno trovare pezzi unici e di valore, incontrare clienti e fornitori e condurre trattative di business all’interno di uno spazio espositivo raffinato ed esclusivo, che garantisce totale privacy e sicurezza.

Il pubblico di operatori e appassionati potrà osservare dal vivo i maestri orologiai mentre revisioneranno prestigiosi orologi d’epoca e incontrare molti volti noti nel settore come il collezionista Sandro Fratini e il commerciante Stefano Mazzariol di Vintage watches. Prevista la presenza anche di Giulio Papi, esperto e maestro-orologiaio, con manifattura a proprio nome che lavora per conto terzi, come il caso di Audemars Piguet o Richard Mille.

Domenica, alle ore 15, Vincent Calabrese, grande maestro orologiaio indipendente, membro dell’AHCI, Académie Horlogère des Créateurs Indépendants, illustrerà la vera differenza fra i due sistemi di scappamento in rotazione, il Carosello e il Tourbillon, mettendone anche in rilievo vantaggi e difetti.

In fiera non mancherà «GEM24K», il marketplace italiano dedicato alle aziende e agli esperti del settore orafo e orologiero, un luogo di preziosi dove è possibile trovare offerte da un numero considerevole di rivenditori e non solo. Nella piattaforma c’è la possibilità di mettere in vendita i propri gioielli e orologi, anche all’asta, entrando in contatto con esperti e appassionati del settore.

Il  network offre la possibilità a tutti gli amanti del settore, di confrontarsi, scambiare opinioni e consigli con l’obiettivo di mettere in contatto le persone interessate, sia per lavoro che per hobby, al mondo della gioielleria condividendo il piacere del bello e del lusso con gli ideatori di GEM24k.

Massimiliano Gobbi

Articolo precedenteMibact, Urbino(Confsal-Unsa Beniculturali): riforma Madia e trasparenza amministrativa non applicate
Articolo successivoTor San Lorenzo, boom di presenze all’inaugurazione di «Emporio Abate 2»