Ardea, E. Ludovici (FdI): “Sindaco hai dimenticato quando dichiaravi ai giornali che siamo un popolo di morti?”

0
296

(Meridiananotizie) Ardea, 8 gennaio 2020 – Il Consigliere E. Ludovici (FdI), polemizza con il Sindaco riguardo un suo intervento pubblico dove quest’ultimo lanciava un appello alla popolazione, chiedendo ancora la loro fiducia e di pazientare un altro po’.

“Rimango turbata per tanta indifferenza usata da questa amministrazione – dichiara E. Ludovici – nei confronti dei cittadini, ora il Sindaco chiede fiducia e altro tempo ai cittadini. Sembra l’appello di un buon padre di famiglia, che fino a ieri era chiuso tra le mura del comune non permettendo ai cittadini neanche un colloquio perché era super impegnato, non accoglieva nessuno, oggi fa un appello ai cittadini chiedendo un altro po’ di tempo e pazienza”.

“Oggi – prosegue E. Ludovici – chiede fiducia, forse non  ricorda quando è andato sulle reti televisive a dire che siamo un popolo di marziani, a comunicare che Ardea è come l’area 51 del Nevada? Forse non ricorda  quando sulle reti televisive ha detto che Ardea è l’Università dell’abusivismo e siamo un popolo poco serio, non voglio usare termini diversi perché se ci penso mi viene il mal di stomaco. Si ricorda quando ha dichiarato sui giornali che siamo un popolo di morti? Ora ci parla come il buon Padre di famiglia, chiedendo fiducia a noi, come possiamo dargli fiducia?

Il Consigliere di Fratelli d’Italia, nei suoi interrogativi riporta l’attenzione ai fatti che posero Ardea al centro dell’attenzione a livello nazionale e che fecero discutere in molti, in particolare per il reportage apparso su “Millenium”, periodico de “Il Fatto Quotidiano”, che sollevò non poche polemiche tra i cittadini di Ardea che respinsero con forza l’etichetta di terra di mafiosi (clicca qui). Poi, E. Ludovici, fa un elenco delle cose che, stando a quanto da lei dichiarato, parlano di un’amministrazione immobile.

“Durante questa metà di mandato elettorale – prosegue E. Ludovici – ci siamo ritrovati senza servizi, il nulla del nulla: Delegazione TSL chiusa; Delegazione Polizia Locale TSL chiusa; Farmacia comunale TSL chiusa, affisso bando concessione delle farmacie non andato a buon fine, era illegittimo; Scuolabus, tolto il servizio alla cittadinanza già inizio mandato, a settembre 2017; AEC, lotta alla risoluzione del servizio presso la sala consiliare con i cittadini e genitori per il ripristino di questo servizio essenziale, anche perché se non c’era battaglia non c’era vittoria”. Riguardo la risoluzione del servizio AEC e la lotta alla quale si riferisce il Consigliere di Fratelli d’Italia, ricordiamo l’occupazione dell’aula consiliare da parte dei genitori dei ragazzi disabili alla presenza di alcuni Consiglieri di minoranza (clicca qui).

Mensa scolastica: i meno abbienti non possono mangiare a mensa – puntualizza E. Ludovici, rivolgendosi sempre alle mancanze da lei evidenziate della gestione Savarese e prosegue – Dissesto finanziario: nodo dolente. Il primo cittadino per scelta politica ci ha regalato un dissesto finanziario, Ardea in default. Ricordate cittadini? ‘E’ stata un’opportunità’, così diceva il primo cittadino, mentre dichiarava dissesto finanziario per il comune di Ardea e poi, la gara di appalto Igiene Urbana ormai al quarto anno di proroga: i dipendenti non vengono pagati, sono dimenticati da questa amministrazione che ancora non è intervenuta penalizzando la Ditta e obbligando la stessa a pagare i dipendenti padri di famiglia e con bambini a carico.

Anche il quadro relativo alla gestione dei rifiuti, puntualizza E. Ludovici, è uno degli altri problemi non risolti dall’Amministrazione Savarese (clicca qui).

“Ardea sommersa dai rifiuti – prosegue E. Ludovici – in tutti gli angoli. Capisco l’inciviltà dei cittadini, non capisco perché l’amministrazione non prende provvedimenti nei confronti dell’inciviltà che regna sovrana. Le telecamere che dovevano essere istallate dalla Hera Luce per coprire i territori a rischio, dove sono?”

Il Consigliere poi, porta l’attenzione sul discusso spostamento degli uffici comunali e su un altro attuale fatto di interesse sociale- economico e politico del momento…la natura dei consorzi e la loro regolarità

“La Casa comunale è un altro argomento scottante e dolente. Si spostano gli uffici comunali in un isolato di cui non si conoscono atti che riguardano lo stabile. A settembre scorso, attraverso un’accesso agli atti mi hanno risposto che gli atti non c’erano. Ho fatto un altro accesso agli atti circa un mese fa e ancora non ho risposta. Non sappiamo se ci sono ancora gli atti. Ad oggi ancora niente. Così come i Consorzi, altro tema bollente e pensare che durante la campagna elettorale, il Sindaco fece un protocollo di intesa con i consorzi del territorio ed ora non esamina la proposta della commissione speciale consorzi, lavoro impegnativo e diligente”.

Anche gli Istituti scolastici non sono da meno, secondo E. Ludovici che attacca ancora il Sindaco riguardo condizioni di inagibilità parziale degli stessi.

“Le scuole rischiano di crollare – afferma il Consigliere -. Guardate il plesso scolastico  S.Antonio. Da ottobre 2019 è stata chiusa un’ala della scuola perché pericolante ed il primo cittadino non sapeva nulla, mentre i bambini frequentavano i locali, quotidianamente”.

In chiusura del suo Comunicato Stampa, il Consigliere di Fratelli d’Italia, era intuibile portasse l’attenzione anche sulla viabilità o meglio, sull’attuale “paesaggio lunare“, riferendosi alle enormi buche che si sono aperte su tutte le strade del Comune di Ardea.

“Insomma, Ardea è ridotta come l’area 51 del Nevada – puntualizza E. Ludovici -, un ‘paesaggio lunare’. E’ questo il paesaggio che piace al nostro Sindaco: manti stradali distrutti con buche profondissime; incidenti senza sosta; cittadini che si fanno male e risarcimenti danni esosi per rimborsi e pensare che prima di insediarsi parlava delle vecchie amministrazioni che risarcivano troppi danni per le buche. Ora lui cosa fa? Sembra la stessa musica!!!”

“Sindaco – conclude E. Ludovici – potrei fare un lungo elenco e senza fine e lei chiede fiducia? Prima, dopo e durante la campagna elettorale eravate la soluzione di questo paese; eravate il cambiamento. Invece Ardea è ormai diventata il paese del nulla. Il nulla assoluto. Ardea è diventata come l’area 51 del Nevada che lei ha sempre decantato in televisione. L’unica cosa che può fare sindaco è chiedere ai cittadini se si può dimettere. Vedrà, arriverà una forte eco che dirà ‘si’…anche se qualche grillino dirà ‘Te piacerebbe’?”

– articolo di Massimo Catalucci