«Pomezia non odia!», la risposta democratica scende in piazza dopo le scritte antisemite dei giorni scorsi

0
413

(MeridianaNotizie) Pomezia, 16 febbraio 2020 – Si è svolta ieri a Pomezia,  un sit in contro «ogni forma di razzismo e intolleranza» in piazza Indipendenza per dire «no all’odio» dopo gli atti vandalici con scritte antisemite in due scuole del territorio, di fronte all’ingresso del liceo Pascal e sulla recinzione esterna dell’istituto Largo Brodolini, dove nel pomeriggio di mercoledì era in programma la visita di Gabriele Sonnino, testimone della Shoah.

«Pomezia non odia!» il nome della manifestazione organizzata dall’Associazione Nazionale Partigiani Italiani “Teresa Mattei e le altre”, Rete Studenti Medi Pomezia e Cgil Roma Sud Pomezia Castelli.
«Una grande risposta democratica che ha visto Pomezia protagonista dopo le scritte antisemite trovate nei giorni scorsi in alcune scuole – dichiarano gli organizzatori – La manifestazione è un primo passo verso la formazione di una rete territoriale antifascista che collabori attivamente per difendere i valori fondanti della nostra Repubblica».
«Le studentesse e gli studenti sono sconvolti ed arrabbiati per le scritte apparse all’entrata di scuola – aggiungono gli organizzatori – Chiunque abbia inviato questo messaggio vergognoso ha voluto colpire il luogo del sapere dove l’antisemitismo è giustamente condannato ogni giorno. Bisogna riflettere su questa vicenda nelle nostre scuole e reagire perché certi atti non passino inosservati. È necessario essere in prima linea contro il razzismo, l’antisemitismo e l’intolleranza».
«Questi gesti di intimidazione nazifascista non vanno sottovalutati – concludono da Anpi, Rete Studenti Medi e Cgil – Ricordiamo quegli eventi tragici nella storia del nostro paese e dell’Europa, che in Italia ebbero inizio con il diffondersi dell’ideologia fascista, razzista e intollerante. Il fascismo e il razzismo, in tutte le forme, devono essere contrastati con fermezza, a partire dalle scuole, non in maniera episodica ma strutturale, promuovendo percorsi di conoscenza e valorizzazione della Storia e della Costituzione».