Ardea, E. Ludovici (FdI): “Spostamento uffici comunali. Sindaco vogliamo maggiore trasparenza nell’accesso agli atti”

0
323

(Meridiananotizie) Ardea, 24 febbraio 2020 – “Gli uffici comunali – dichiara in un comunicato stampa Edelvais Ludovici (FdI) – presto verranno spostati a Rio Verde, così dice il primo cittadino”.

Apre in questo modo la sua nota il Consigliere di Fratelli d’Italia, rivolgendosi oltre che al Sindaco alla cittadinanza.

“Presentai una richiesta di accesso agli atti il 29.07.2019 n. 44816 – continua E. Ludovici –  a questa richiesta il Dirigente dell’area tecnica, rispose: ‘…..Si precisa che la restante documentazione da lei richiesta relativa alle certificazioni dal punto 1 al punto  7 della sua istanza del 21.01.2019 non può essere consultata in quanto la stessa sarà allegata alla segnalazione certificata di agibilità che la Soc. Rio Verde Real Estate srl dovrà presentare per dare seguito al contratto preliminare sottoscritto da codesta amministrazione’.”

“Insieme al consigliere Montesi Maurice (FdI) – prosegue E. Ludovici – abbiamo chiesto revoca dell’atto deliberativo congiunto all’atto preliminare di locazione, delibera n. 64 del 04.07.2019 presentando revoca in autotutela, il 16.07.2019 n. 42458, ad oggi  non abbiamo ricevuto risposta a  questa revoca. Nessuno ha risposto a questa revoca, tutto tace, l’apice della  governance che rappresenta legalità e trasparenza non risponde e pensare che la governance di una pubblica amministrazione deve essere garante di una amministrazione trasparente”.

“Il 06.12.2019 prot. N. 64072, – puntualizza il consigliere – ho  presentato un altro accesso agli atti, per seguire la questione da vicino e per documentarmi se in realtà i documenti degli uffici comunali, cioè della palazzina adiacente ai carabinieri esistono o se invece ancora non hanno trovato una seria collocazione nei cassetti del Comune. Ad oggi non ho ricevuto risposta. Un’incognita dove nessuno risponde e nessuno vuole affrontare questa situazione a faccia alta”.

“Credo sia necessario sapere – aggiunge E. Ludovici – se ci sono i documenti per calpestare lo stabile tra cui  l’agibilità dello stabile  stesso?  Il Comune ha iniziato a pagare i canoni di locazione della nuova casa comunale,  come riportato  sul  preliminare di locazione, con inizio dal 01 dicembre 2019 con una mensilità di euro 8.334,00, per un totale di euro 100.000,00 annui? Spero che  l’amministrazione comunale non stia pagando  il canone di locazione  senza usufruire o calpestare lo stabile, se ciò  fosse ci  troviamo difronte a ‘sperpero di denaro pubblico, dove si paga senza usufruire dello stabile di cui sopra. Purtroppo non si sa niente, nessuno parla, nessuno risponde agli accessi agli atti, nessuno si confronta . Tutto tace”.

“Il giorno 11.02.2020 n. 6256 – conclude il consigliere E. Ludovici – ho presentato diffida  agli organi preposti dell’amministrazione comunale, in riferimento agli accessi agli atti mai evasi,  diffidando  l’amministrazione comunale e inviando la stessa  al Prefetto e all’ANAC al fine di garantire trasparenza alla comunità locale. Continuerò ad inviare i miei solleciti di accesso agli atti, alle varie Procure della Repubblica italiana, al Prefetto di Roma, all’ANAC, ai carabinieri. Ho richiesto personalmente appuntamento al Prefetto di Roma, perché la situazione è diventata insostenibile. Tutto tace, nessuno parla, gli atti non vengono consegnati,  però l’amministrazione comunale è orgogliosa di trasferire la casa comunale”.

Lo dichiara in un comunicato stampa il Consigliere comunale di Fratelli d’Italia, la Dott.ssa Edelvais Ludovici.