La Sinistra di Ardea: “Chiediamo una riforma strutturale dei servizi, per l’integrazione scolastica e per tutte le persone che necessitano di assistenza”

0
328

(Meridiananotizie) Ardea, 1 giugno 2020 – Torniamo a parlare di servizi e loro gestione.

Siamo da anni sostenitori dell’internalizzazione dei servizi comunali, vedi mensa scolastica,trasporto scolastico servizi assistenza scolastica e domiciliare a persone con disabilità, perché riteniamo uno spreco enorme la metodica di dare in appalto a ditte private o associazioni che fungono da tramite e filtrano di fatto i costi, se pensiamo che il netto che arriva nelle tasche del lavoratore rappresenta solo una percentuale dell’ effettivo costo vivo che l’ente affronta. Riteniamo inoltre la pratica dell’affido, rischia rappresentare ormai un veicolo di tipo clientelare, molto spesso oggetto di ricorsi. In altre città esiste una mobilitazione degli operatori AEC , che chiedono di essere messe in sicurezza lavorativa, perché come noto questi lavoratori vivono uno stato di precarietà continua, non di meno non godono di una retribuzione dignitosa.

Ma esistono altre forme per garantire dignità a quei lavoratori e dare certezze e serenità alle famiglie delle persone che usufruiscono di questo servizio, che sia scolastico o domiciliare. Lo statuto comunale disciplina la partecipazione popolare, alla vita amministrativa, e doveroso è il riferimento alla costituzione che cita all’art 3: “…..”

Non meno la convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, che garantisce protezione e assicura il pieno godimento di tutti i diritti umani. La legge 104/92 prevede provvedimenti che rendano effettivi i diritti all’informazione, al diritto allo studio, e a tutte le attività che attengono alla partecipazione sociale dei cittadini con disabilità. Molto spesso l’elevato costo impedisce l attuazione di affiancamento si professionisti alle persone con disabilità adulta. La gestione del servizio alle persone suddette, affidata a privati in regime di appalto, da sempre ha presentato criticità, tra questi l elevato costo per l’ente comunale, note sono le affermazioni del sindaco di Ardea sui costi insostenibili.

Chiediamo quindi una riforma strutturale dei servizi, per l’integrazione scolastica e per tutte le persone che necessitano di assistenza. Crediamo che l’assunzione di questi lavoratori sia l’unica via a garanzia del lavoratore e dei fruitori del servizio, questo contribuirebbe a un notevole abbassamento dei costi oltre che a una continuità del servizio, un dettaglio fondamentale.

In alternativa si potrebbe istituire un azienda che possa assumere con forme di sicurezza lavorativa, senza scadenze o rinnovi e riassunzione rocambolesche, come vediamo accadere da anni. Un azienda sociale, comunale dedicata esclusivamente alla fornitura dei servizi socio assistenziali e educativi che gestisca direttamente il servizio.

– Lo dichiarano in un comunicato stampa da “La Sinistra di Ardea