Ardea, M5S: «Anna Maria Tarantino senza partito politico, ma fa finta di non saperlo»

0
292

(MeridianaNotizie) Ardea, 18 settembre 2020 – Nota del Movimento 5 Stelle Ardea in risposta alla consigliera di minoranza Anna Maria Tarantino .

«La Consigliera Tarantino non ha più una casa politica da mesi, ma ha finto di non saperlo, oppure gli asini volano davvero! Scandalose le dichiarazioni della Consigliera Tarantino a margine della Commissione di Controllo e Garanzia andata deserta il 18 settembre u.s., di cui la minoranza avrebbe dovuto scegliere, nelle sue fila, il Presidente. La Consigliera Tarantino lamenta che solo dopo dieci mesi il Presidente del Consiglio abbia sciolto il gruppo “Cambiamo 10 volte meglio!” perché venuti meno i requisiti, richiesti dal Regolamento, per la legittimità dei gruppi consiliari. Verrebbero attribuiti al Presidente del Consiglio comunale poteri ispettivi e di indagine non previsti, in verità, in nessuno degli articoli che compongono il regolamento d’Aula. Motivazioni paradossali e dichiarazioni scandalose da parte di una Capogruppo che sembrerebbe non conoscere la storia, seppur breve, del proprio partito di riferimento e di non avere, quindi, alcun contatto con i propri referenti politici in seno alla Regione ed al Parlamento. Insomma “Cambiamo 10 volte meglio! a sua insaputa!” A sentire la Tarantino la responsabilità dell’apolidia politica, nella quale si sono venuti “improvvisamente” a trovare lei ed il Consigliere Centore, sarebbe da attribuire al Presidente del Consiglio che probabilmente, invece, attendeva con pazienza che la Capogruppo di Cambiano 10 volte meglio! dichiarasse sciolto il proprio gruppo consiliare. Difficile pensare che la Tarantino non sapesse da tempo che il proprio partito politico si fosse estinto alla Camera dei Deputati, facendo venir meno il requisito di legittimità che ha consentito al gruppo di esistere in seno al Consiglio comunale. È sotto gli occhi di tutti, ormai, che la minoranza è dilaniata dalle diatribe interne al centro-destra, prova ne è l’esito della Commissione sopra citata e possiamo immaginare le grosse difficoltà della Tarantino a trovare accoglienza nel gruppo della Lega o in quello di Fratelli d’Italia e persino nel gruppo misto. È forse per questo che ha taciuto, non sappiamo se con colpa o con dolo, sulla estinzione del proprio movimento politico di riferimento?».