Pomezia, il Comitato 10 Febbraio ricorda l’istriana Norma Cosetto stuprata e infoibata dai comunisti slavi

0
265

(MeridianaNotizie) Roma, 29 ottobre 20202 – Martedì 6 ottobre alle ore 15.30, presso l’Aula Magna Campus Selva dei Pini, si è svolta una commemorazione, per ricordare il martirio di Norma Cossetto. L’evento, denominato “Una Rosa per Norma”, si è svolto sotto l’egida del Comitato 10 Febbraio in circa 130 città italiane ed è stato aperto a tutti coloro che intendevano ricordare la storia della giovane istriana barbaramente uccisa dai partigiani titini. Tanti gli interventi,  oltre al presidente del comitato 10 Febbraio Pomezia, Alessandra Duma e dell’attivista Rodolfo Serafini,  anche Antonio Ballarin, presidente FederEsuli,  Roberta Fidanza, presidente Centro Studi Femininum Ingenium e  Sabrina Rodegno, psicologa clinica.

La giovane martire istriana venne stuprata e infoibata dai partigiani comunisti slavi nell’ottobre 1943 e le commemorazioni hanno assunto un maggiore significato, poiché di Norma Cossetto si celebra quest’anno anche il centenario della nascita.

“Diversi sono gli attacchi – dichiara Emanuele Merlino, presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio – che provengono da alcune associazioni in concomitanza con la commemorazione nazionale Una Rosa per Norma Cossetto, giunta alle seconda edizione e che quest’anno è stata celebrata in 130 città italiane ed estere.

“Comprendiamo lo sconcerto di alcune associazione di fronte ai grandi successi conseguiti dal nostro Comitato – aggiunge Merlino – tante città, guidate da maggioranze di differente colore politico, hanno deciso di dedicare parchi, giardini e anfiteatri a Norma Cossetto o hanno deliberato di erigere monumenti. Altre associazioni, ormai fuori dalla storia – conclude Merlino – non trovano di meglio da fare che scatenare sterili polemiche. Dal canto nostro ribadiamo che l’odio e il rancore sono sentimenti che non proviamo. Il nostro è un messaggio di pace e di libertà, contro la violenza sulle donne, nel nome di Norma Cossetto e del suo sorriso, che nessuno riuscirà mai a spengere.”