Ardea esclusa dai fondi di Città Metropolitana, Neocliti (Fdi) risponde al sindaco: «Basta scuse!»

0
263

(MeridianaNotizie) Roma, 16 novembre 2020 – Ardea non pervenuta nel programma triennale delle opere pubbliche della Città Metropolitana di Roma Capitale recentemente approvato dal Consiglio. E questo la triste notizia che arriva da Roma dopo che sono stati approvati circa 6 milioni di euro stanziati per la ristrutturazione e la messa in sicurezza delle scuole superiori di Anzio, 1 milione e trecentomila euro per lavori in tre scuole superiori di Pomezia e 2 milioni e settecentomila euro  per quattro interventi di edilizia scolastica sul territorio di Nettuno.

Nella giornata il sindaco di Ardea, Mario Savarese, contattato dalla redazione de Il Caffè, non ha  usato mezzi termini nel descrivere la clamorosa esclusione: «Ardea viene considerata come una costola di Pomezia. A quanto pare non siamo mai diventati una Comune a sé stante».

«Ogni volta che è uscito qualcosa per Ardea – ha aggiunto – , poi è stato tolto: prima i 5 milioni per la scuola superiore, scomparsi. Poi i 4,5 milioni per il rifacimento delle strade provinciali che si trovano sul nostro territorio, scomparsi anche quelli. Ora vengo a sapere che ci sarebbero in programma alcune manutenzioni stradali. Ma queste non sono opere pubbliche, è solo normale amministrazione».

«Servono soldi per rifare le strade – ha concluso Savavere –  servono soldi per costruire una scuola superiore», elenca il sindaco, che termina la telefonata con un’amara considerazione: «Da quello che so, Città Metropolitana dovrebbe convocare i sindaci del territorio per capire quali sono le loro esigenze e sulla base di queste stendere il programma. Noi non siamo mai stati convocati».

Pronta la replica della consigliera comunale Raffaella Neocliti di Fratelli d’Italia: «Dichiarazioni inaccettabili che non dovrebbero provocare le battute sarcastiche del primo cittadino, ma una piena ammissione di colpa. Una incapacità che ricade come un macigno su tutti i cittadini e sul nostro territorio. Penalizzato da un dissesto inesistente che ha immobilizzato l’ente da 3 anni, da servizi mutilati, gestioni approssimative, il nostro territorio perde ancora una volta la possibilità di usufruire di importanti contributi. Ardea la cenerentola, Ardea la dimenticata, Ardea sui giornali solo per la brutta pubblicità che il primo cittadino le regala. Stesso film per il rifacimento e la messa in sicurezza delle strade provinciali, dove Anzio e Nettuno hanno ottenuto l’intervento dell‘ ex provincia mentre ad Ardea si continua a morire sulla Laurentina. Di chi la colpa? Basta scuse Sindaco!»