L’archeologo Massimo Osanna é cittadino onorario di Castellammare di Stabia (NA)

353
C’è l’ok unanime del Consiglio Comunale di Castellammare di Stabia (NA) alla proposta avanzata dal “Comitato per gli scavi di Stabia fondato nel 1950” – fondato da Libero d’Orsi nel 1950 per favorire il proseguimento degli scavi archeologici sulla collina di Varano – e sostenuta dal Sindaco Cimmino tramite un atto di giunta, di conferire la cittadinanza onoraria all’archeologo Massimo Osanna per il suo impegno, tra il 2014 e quest’anno, a favore dell’area archeologica di Stabiae. 
 
Osanna, oggi direttore generale dei Musei del Mibact, nello specifico, si è impegnato a riaprire il Museo archeologico di Stabiae, istituito da Libero d’Orsi nel 1958 nei locali della scuola media cittadina e chiuso dal 1997 perchè la struttura era inagibile, per l’apertura, con l’attuale Direttore del Museo Nazionale di Cagliari, Francesco Muscolino, del Museo di Quisisana e per la ripartenza degli scavi archeologici nella zona della Villa Romana di San Marco. 
Articolo precedenteFrascati, in partenza il progetto “Insieme dopo la Scuola”
Articolo successivoSen. Fiammetta Modena (FI): “Ha ragione Giletti, Speranza chiarisca lo scandalo OMS, il suo silenzio crea allarme sociale”