Ardea, la Polizia Locale chiude una palestra per mancata osservanza del DPCM

186

(Meridiananotizie) Ardea, 16 gennaio 2021 – La Polizia Locale di Ardea, attenta alle azioni che possono pregiudicare la sicurezza cittadina nel rispetto delle norme anti-covid, per il mancato adeguamento alle linee regionali e nazionali attualmente in vigore, ha intensificato i controlli.

Diverse le attività e gli esercizi commerciali oggetto di controllo in questo momento sanitario in cui si è nuovamente innalzato il rischio di contagio.

Nel corso dei controlli i Caschi Bianchi Rutuli hanno constatato l’illecita apertura in zona Tor San Lorenzo di una palestra dove, sebbene vi fossero i divieti imposti dal DPCM vigente, venivano trovate in funzione le sale fitness ove erano in corso degli allenamenti.

I titolari dell’attività hanno tentato di giustificare la presenza dei corsi adducendo, quale motivazione, un allenamento in vista di gara, ma alla richiesta di esibire l’affiliazione CONI o ad altri ente promozionale, nonché l’iscrizione alla eventuale gara da disputare che avrebbe inquadrato i partecipanti alle lezioni tra soggetti agonisti cui ciò sarebbe consentito, non sono stati in grado di fornire alcun documento.

Gli uomini diretti dal Comandate Sergio Ierace in applicazione delle norme hanno proceduto a sanzionare e chiudere per 5 gg. l’attività in applicazione dell’art 2 del D.L 33/2020.

“La diminuzione della curva dei contagi da Covid 19 – dichiara Ierace – passa anche dal rispetto delle regole, anche più volte pubblicizzate dai media, di non assembramento, di distanziamento sociale e del costante uso dei dispositivi di protezione individuale al fine di garantire, prevenire e scongiurare il rischio di contagio tra i cittadini quale veicolo inconsapevole e subdolo della diffusione della pandemia tra la popolazione”.

Articolo precedenteArdea, viale marino, discarica abusiva di olio e altri rifiuti
Articolo successivoLanuvio, decessi anziani in una casa di riposo. Sul posto CRRC e Nucleo NBCR per accertare le cause