Serie A, la Lazio ribalta il risultato con il Sassuolo e si porta a meno due dalla zona Champions

0
219

(Meridiananotizie) Roma, 24 gennaio 2021 – La Lazio conferma il suo buon rendimento, molto saggia in campo e paziente, ha saputo aspettare il momento propizio per colpire un ottimo Sassuolo, quadra a cui non devi dare campo altrimenti diventa “fastidiosa” oltre che “insidiosa” con la velocità dei suoi giocatori che possono far male a chiunque.

Nei numeri di oggi, i biancocelesti hanno confermato la vittoria arrivata, tra l’altro, in rimonta, il che dimostra maturità e consapevolezza della propria forza. E c’è da considerare che la squadra di Mister Inzaghi nella gara col Sassuolo era in emergenza con alcuni suoi giocatori di punta, assenti per infortuni, il primo, Luiz-Felipe per un intervento alla caviglia che da tempo doveva essere fatto; il secondo, Luis-Alberto, operato d’urgenza di appendicectomia.

I ragazzi di Mister Inzaghi, nonostante le assenze importanti hanno tirato verso la porta degli emiliani per ben 20 volte contro solo 5 tiri da parte dei neroverdi. Ad andare in rete per primi però, sono stati gli emiliani con Caputo al minuto di gioco, che raccogliere al centro dell’area laziale un passaggio a ritroso dalla sinistra di Traorè e appoggia in rete su un incolpevole Reina, quest’ultimo sempre più titolare per Mister Inzaghi. Al gol del Sassuolo, sempre al primo tempo, i biancocelesti, pareggiano prima con Milinkovic-Savic di testa su un traversone da calcio d’angolo dalla destra di Correa; poi, nella ripresa, arriva il vantaggio del solito “Ciro” nazionale che a seguito di un’incursione sulla sinistra in area di Marusic, raccoglie il suo passaggio al centro dell’area e batte il portiere avversario con freddezza e precisione. Immobile anche oggi firma il “cartellino” e si porta a 13 reti nella classifica dei marcatori della Serie A, superando Lukaku (Inter) e Ibrahimovic (Milan) fermi a 12 e posizionandosi da solo al secondo posto,  dietro a Ronaldo che di reti ne ha fatte 15. Immobile, è ormai una realtà, non solo del calcio italiano ma a livello europeo, non dimentichiamo che lo scorso anno ha vinto la scarpa d’oro come miglior marcatore europeo. Una garanzia per Mister Inzaghi e per gli obiettivi della Lazio.

E adesso superato brillantemente questo ulteriore “test” con il Sassuolo che come suddetto è un’ottima squadra, i biancocelesti devono prepararsi al meglio per la sfida dei quarti di Coppa Italia di mercoledì prossimo, contro l’Atalanta. La gara infrasettimanale sarà un altro “test” importante per misurare la forza dei ragazzi di Mister Inzaghi.

Le dichiarazioni degli allenatori nel post-gara

S. Inzaghi –Oggi era l’esame più complicato perché il Sassuolo è un’ottima squadra che gioca bene al calcio. Penso che la squadra ha fatto una grande gara nonostante avessimo giocato appena pochi giorni fa. Siamo contenti per aver trovato continuità. E’ la quinta vittoria consecutiva, eravamo in emergenza ma i ragazzi sono stati straordinari e hanno dato tutto. Sappiamo cosa rappresenta il derby a Roma. Siamo stati contentissimi di vincerlo, ma dovevamo pensare subito al Parma e poi al Sassuolo. Il derby è una partita importante per la nostra gente. E’ un calendario fitto e impegnativo il nostro, abbiamo già un doppio impegno contro l’Atalanta e daremo il massimo”.

Correa è un’opzione per Luis Alberto. Stasera ha fatto un’ottima partita, non giocava dal 23 dicembre e sono molto contento. Gli serve il campo, ma è un giocatore che mi piace tantissimo; è un ragazzo intelligente che lavora sempre per la squadra. Milinkovic-Savic è in crescita, aveva giocato anche giovedì. Deve continuare così, è un ragazzo che lavora molto bene nel quotidiano e si merita tutto, mentre stasera Immobile ha giocato con un antidolorifico e in questo momento non può allenarsi con continuità perché sta combattendo con un problema alla caviglia. E’ il nostro leader e cerco di utilizzarlo sempre. Anche Caicedo ha dovuto fare un antidolorifico e fino a stamattina non sapevamo neanche se sarebbe venuto in panchina. Il mio rinnovo contrattuale? Vi avvertirò quando succederà. Ho visto il presidente, ha detto che il contratto è pronto. Io anche sono pronto e aspetto”.

De Zerbi – “La Lazio è più forte di noi, se sta bene possiamo patirla. Nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni dopo il gol. Non l’abbiamo fatto, poi abbiamo pagato la fisicità degli avversari. La rete del pareggio viene da un calcio piazzato, la Lazio è forte. Abbiamo fatto 30 punti nel girone d’andata, perdendo cinque partite solo con le squadre che ci precedono. Possiamo fare di più, ma abbiamo fatto anche tanto: tra questo girone e quello di ritorno del passato campionato siamo a 62 punti. Ringrazio i miei giocatori di questo”.

Parlare dei singoli è doveroso, il collettivo è un insieme di singoli. L’assenza di Berardi sposta gli equilibri, ma non deve essere un alibi. Possiamo fare meglio anche senza di lui, ma il Sassuolo senza i suoi top giocatori non può che pagarne le conseguenze. Riguardo il mio futuro io mi vedo solo al Sassuolo. A me diverte stare qui, sono arrabbiato per tante partite battute, nonostante i problemi. La mia squadra è forte, ha le caratteristiche complete per giocare a calcio e fare buone prestazioni anche con le big, come successo contro la Roma. Dobbiamo crescere, ad oggi non guardo al mercato. Se la società è contenta di me, io resto a lungo“.

Il tabellino della gara 

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Acerbi, Radu; Lazzari (30° st Lulic), Milinkovic-Savic, Leiva (31° st Escalante), Akpa Akpro, Marusic; Correa, Immobile (41° st Muriqi).

A disposizione: Alia, Furlanetto, Armini, Hoedt, Parolo, Fares, Czyz, Pereira, Caicedo.

Allenatore: Inzaghi

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Muldur (46° st Raspadori), Ferrari, Marlon, Rogerio; Locatelli, Obiang (31° st Lopez); Traoré (31° st Boga), Djuricic, Defrel (1° st Haraslin); Caputo.

A disposizione: Pegolo, Turati, Ayhan, Peluso, Kyriakopoulos, Magnanelli, Oddei, Toljan.

Allenatore: De Zerbi

ARBITRO: Giua di Olbia

MARCATORI: 6° pt Caputo (S), 25° pt Milinkovic-Savic (L), 26° st Immobile (L)

NOTE: Ammoniti: Patric, Leiva (L); Marlon, Ferrari (S). Recupero: 1′ pt e 3′ st.

 

– articolo di Massimo Catalucci