La Storta, Valbona Velo (Lega): “Discarica a cielo aperto al capolinea degli autobus”

0
145

(MeridianaNotizie) Rma, 3 febbraio 2021 – Sacchi di rifiuti, materassi vecchi, cassonetti e cestini strabordanti immondizia e un fetore di urina e di putridume a fare da complemento ad uno scenario inverosimile: non è la descrizione di una discarica, è lo stato in cui si trova la stazione dei bus a La Storta, quartiere di Roma nord, nel XV municipio.

Alle mini discariche a cielo aperto i romani sono abituati, poichè si possono ammirare ormai in ogni quartiere della Città, ogni periferia ha le sue, ma di discariche alle fermate dei bus ancora non se ne aveva notizia. “E, invece, eccola qua e come ci è venuta e chi lo sa”, parafrasando una nota canzone di Vasco Rossi si può affermare che a Roma le discariche nascono da sole. Tutti le vedono, tutti si indignano e chi dovrebbe intervenire per eliminarle, invece, scansa l’onere.

Nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini e persino dei conducenti dei mezzi pubblici, ad oggi, nessuno è intervenuto per bonificare l’area della stazione de La Storta: né l’AMA, né gli amministratori municipali, né il Comune di Roma. Perchè?

“La Storta ha soltanto questa stazione, quindi i cittadini residenti non possono evitare di convivere quotidianamente con questo degrado, oltretutto in questo periodo di scrupolosa attenzione all’igiene delle mani come misura precauzionale di contrasto alla diffusione del Covid, invece accettiamo di calpestare e scavalcare cumoli di immondizia putrescente per arrivare alle fermate dei mezzi pubblici, mi sembra semplicemente illogico” – afferma Valeria Valbona Velo, esponente Lega municipio XV – intervenuta questa mattina sul posto per sopperire alle richieste inascoltate dei cittadini e del personale Atac.

“Questa stazione è diventata una discarica ‘legalizzata’, perchè nonostante le insistenti e sacrosante lamentele della gente nessuno sta intervendo per ripulire neanche i marciapiedi che sono completamente ricoperti da erbacce infestanti e ortiche – continua l’esponente leghista – ma non si può smettere di protestare. Vivere nella pulizia è un diritto di tutti. Per questo ho fatto un video e l’ho allegato alle PEC inviate al Presidente del municipio XV e all’Ufficio municipale per l’Ambiente e, nuovamente, all’AMA. Non smetterò di sollecitare l’intervento delle amministrazioni fino a quando quest’area tornerà ad essere solo una stazione e non più un deposito di immondizia”.