Lanuvio, il Comune fa chiarezza sulle tariffe Tarip

161

(MeridianaNotizie) Lanuvio, 7 febbraio 2021 – Il Comune di Lanuvio  non ha deliberato alcuna variazione nel settore delle tariffe rifiuti (TARIP). L’aumento, seppur contenuto, della tassa rifiuti che i contribuenti hanno potuto notare con l’arrivo della terza rata è dovuta essenzialmente dai seguenti motivi: 

1) Nell’ultimo anno, segnato dal Covid, con i cittadini che hanno trascorso molto più tempo nelle abitazioni, si è registrato un aumento significativo del conferimento della frazione organica dei rifiuti ( + 80 tonnellate rispetto all’anno precedente). A questo dato va aggiunto che la frazione della “Carta” non ha più mercato con conseguenti mancati introiti. Il costo del conferimento inoltre varia in continuazione, sempre in rialzo, a causa di un mercato privo di regolamentazione. E su questo il Comune non ha potere di intervento.

2) L’emergenza Pandemica ha provocato l’aumento della produzione di rifiuti speciali e sanitari ( compresi i dispositivi di protezione individuale) con conseguenze importanti sul costo del trattamento e smaltimento.

3) Si è ritenuto opportuno non vessare ulteriormente le attività produttive, così drasticamente colpite dalla pandemia, applicando degli sconti sulla loro tariffa, con conseguente ripartizione sulle utenze domestiche. Da quest’anno poi e’ entrato in vigore un nuovo metodo per la determinazione dei costi della tari che ha obbligato gli enti a una diversa classificazione, a svantaggio della frazione di costo che più influisce sulla tariffa delle utenze domestiche.

E’ doveroso informare la Cittadinanza che L’Amministrazione Comunale ha recentemente approvato una delibera per partecipare al bando della Regione Lazio che eroga contributi per mitigare la tariffa della Tarip e che, il Comune di Lanuvio è già assegnatario di importanti contributi provenienti dalla Città metropolitana che hanno proprio l’obiettivo di mitigare la tariffa. In particolare, grazie alla capacità progettuale del nostro Ente, abbiamo ricevuto un contributo di 200 mila euro che, per ragioni contabili, non è stato possibile utilizzare nell’anno in corso.

In conclusione possiamo dire che il lavoro congiunto di amministrazione e cittadini ha prodotto un ottimo risultato: circa 80% di raccolta differenziata. Tuttavia bisogna entrare nell’ottica che il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto!

Lo scrive in una nota alla Stampa, il Comune di Lanuvio.

Articolo precedenteGiornata spreco alimentare: Benvenuti, prodotti a km zero, educazione ambientale nelle scuole
Articolo successivoSerie A, Lazio Cagliari, un’occasione ghiotta per i biancocelesti per portarsi al quarto posto in classifica